Post

1 Giugno 2016

Cordoglio per la scomparsa del Presidente Saharawi

"A nome dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna esprimiamo le più sentite condoglianze per la scomparsa di S.E. Mohamed Abdelaziz, Presidente della Repubblica Araba Sahrawi Democratica. La sua morte è motivo di lutto per tutti noi che da anni siamo vicini al popolo Saharawi di cui, anche nel corso della missione istituzionale dello scorso marzo, abbiamo avuto modo di vedere e apprezzare l'impegno per la democrazia, la libertà e lo sviluppo sociale. Il presidente Mohamed Abdelaziz ha lavorato per la pace, una via che deve essere percorsa anche nel futuro".

Con queste parole Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, esprime il cordoglio per la scomparsa di S.E. Mohamed Abdelaziz, Presidente della Repubblica Araba Sahrawi Democratica. Saliera, insieme al consigliere regionale Gabriele Delmonte, lo scorso marzo aveva fatto parte della delegazione ufficiale in visita nei campi Sahrawi.

Post

8 Marzo 2021

Cordoglio scomparsa Mauro Roda, elettricista ferrovie vittima dell'amianto

“Una nuova vittima della tragedia dell’amianto. Una morte che riapre la ferita mai sopita dell'ingiustizia subita da centinaia di lavoratori e loro famigliari e che fa ancora più male oggi in una società disumana che non perde occasione per mettere in discussione i diritti costituzionali sul lavoro duramente conquistati in decenni di lotte sociali, politiche e parlamentari”. Così, in una lettera inviata ad AFEVA CGIL Simonetta Saliera esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Mauro Roda, elettricista delle Ferrovie scomparso oggi dopo una lunga malattia.

5 Marzo 2021

Dimissioni Zingaretti e crisi Pd

"Le motivazioni delle dimissioni di Nicola Zingaretti da Segretario del Pd e il dibattito che ne è seguito dimostrano come il Partito Democratico sia contorto su se stesso negli opportunismi individuali che nulla hanno a che fare con la storia della sinistra italiana: c'è una totale sordità nei confronti sia di chi ancora ripone fiducia e speranza di futuro nella politica, sia per quell'immensità di popolo che è sempre più povero dal punto di vista economico e con sempre meno opportunità culturali.