Post

11 Maggio 2016

Polonia-EmiliaRomagna, collaborazione all'insegna dell'agricoltura

Rafforzare la collaborazione reciproca partendo dalla valorizzazione della tradizione di alta qualità dei prodotti agricoli e dell'intera filiera agroalimentare emiliano-romagnola. Valorizzare il mondo rurale come volano di sviluppo oltre che di tutela del territorio e della qualità dell'ambiente.

La delegazione della Regione polacca Questi i punti fondamentali e gli impegni futuri della partnership tra la Regione Emilia-Romagna e la Regione polacca Wielkopolska avvenuto oggi in viale Aldo Moro. A rappresentare l'Emilia-Romagna, la Presidente dell'Assemblea legislativa regionale Simonetta Saliera e Luciana Serri, Presidente della Commissione Attività produttive dell'Assemblea, mentre la delegazione polacca è stata guidata dal Vicemaresciallo Krysztof Grabowski, dal componente dell'Ufficio di Presidenza Marzena Wodzinska e da Czelslaw Cieslak, presidente della Commissione Agricoltura. con cui viale Aldo Moro intrattiene da molti anni forme di partneriato e collaborazione. Al centro del confronto, appunto, il comune impegno a valorizzare l'economia agricola non più solo come settore secondario e retaggio di esperienze appartenenti al periodo pre-industriale, ma a coglierne tutte le nuove opportunità, in primo luogo, soprattutto per i giovani, sotto il versante occupazionale. L'incontro odierno in Assemblea legislativa, si inserisce all'interno di un più ampio ventaglio di iniziative e di visite che la Commissione agricoltura della Wielkopolska sta compiendo in Emilia-Romagna. In questi giorni, infatti, i rappresentanti della Regione polacca, hanno avuto modo di confrontarsi con istituzioni locali, sistema delle imprese e visitare alcune delle aziende più rinomate nel settore lattiero-caseario e ortofrutticolo.

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.