Post

27 Aprile 2016

Poste, un servizio da garantire

“Porto alla vostra conoscenza le preoccupazioni e i problemi evidenziati dai sindacati dei lavoratori e da molte amministrazioni locali affinché Poste Italiane possa fare le opportune valutazioni e risolvere nell’interesse dei cittadini, le problematicità emerse”.

Raccogliendo le denunce e le sollecitazioni arrivate dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil e dai sindaci del territorio, Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale, ha scritto ai vertici di Poste Italiane affinché l’azienda si faccia carico di dare spiegazioni e rimodulare le nuove modalità di gestione della posta risolvendo le criticità emerse. “Come da allegata documentazione fornita dalle forze sindacali confederali, si sono avverate le preoccupazioni che – scrive Saliera – avevano anticipato i nuovi piani di gestione della distribuzione della posta nei Comuni emiliano-romagnoli, soprattutto in quelli di montagna. In primo luogo la consegna della posta a giorni alterni comporta disservizi e problemi per ampia parte della popolazione, ed emergono accumuli di materiale che, se confermati, rischiano di creare lesioni ai diritti dei cittadini e delle imprese”. La Presidente dell’Assemblea, che già in passato e nel precedente incarico di Vicepresidente della Giunta, aveva più volte sottolineato come quello postale sia un diritto universale dei cittadini e che vada preservato, sollecita i vertici di Poste Italiane a “fare le valutazioni del caso in modo da risolvere le problematicità emerse, nell'interesse dei cittadini, delle imprese e del nostro territorio”.

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.