Post

27 Aprile 2016

Poste, un servizio da garantire

“Porto alla vostra conoscenza le preoccupazioni e i problemi evidenziati dai sindacati dei lavoratori e da molte amministrazioni locali affinché Poste Italiane possa fare le opportune valutazioni e risolvere nell’interesse dei cittadini, le problematicità emerse”.

Raccogliendo le denunce e le sollecitazioni arrivate dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil e dai sindaci del territorio, Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale, ha scritto ai vertici di Poste Italiane affinché l’azienda si faccia carico di dare spiegazioni e rimodulare le nuove modalità di gestione della posta risolvendo le criticità emerse. “Come da allegata documentazione fornita dalle forze sindacali confederali, si sono avverate le preoccupazioni che – scrive Saliera – avevano anticipato i nuovi piani di gestione della distribuzione della posta nei Comuni emiliano-romagnoli, soprattutto in quelli di montagna. In primo luogo la consegna della posta a giorni alterni comporta disservizi e problemi per ampia parte della popolazione, ed emergono accumuli di materiale che, se confermati, rischiano di creare lesioni ai diritti dei cittadini e delle imprese”. La Presidente dell’Assemblea, che già in passato e nel precedente incarico di Vicepresidente della Giunta, aveva più volte sottolineato come quello postale sia un diritto universale dei cittadini e che vada preservato, sollecita i vertici di Poste Italiane a “fare le valutazioni del caso in modo da risolvere le problematicità emerse, nell'interesse dei cittadini, delle imprese e del nostro territorio”.

Post

18 Novembre 2019

Il professor Mattei dona la sua "Matilde di Canossa" all'Assemblea legislativa

“La Presidente Simonetta Saliera ha recuperato il legame tra Istituzione e arte: facendo un’attività estetica ha in realtà fatto un’attività etica visto che attraverso arte e cultura ha dato un cuore che batte a un contenitore burocratico e amministrativo come tutti noi pensavamo che fosse la Regione prima di visitare l’Assemblea e le opere in essa esposte”. 

12 Novembre 2019

Un urlo contro il razzismo

“Contro” la cultura dell’odio “iniettato” a piccole dosi, “con piccole siringhe, quasi per non farcene accorgere, quasi per farcelo sembrare giusto” come successo pochi anni fa nell’ex Jugoslavia.