Post

9 Febbraio 2016

Il Giorno del Ricordo

L’istituzione del Giorno del ricordo è “una occasione di conoscenza e un percorso di superamento di parzialità e risentimenti”, “un doveroso tributo a quanto avvenne sul confine orientale della nostra Penisola, in quelle terre da secoli di lingua italiana e che nel corso del ‘900 sono passate traumaticamente di Stato in Stato”.

Così Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, in occasione del Giorno del ricordo, dedicato, il 10 febbraio di ogni anno, alla memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della vicenda del confine orientale. Quella delle foibe “è stata una pagine brutta della storia europea. Ancora più brutta perché troppo a lungo taciuta, anzi negata. Relegata a effetto collaterale della Seconda guerra mondiale prosegue Saliera- dove l’estremismo titino e stalinista si macchiò delle stesse nefandezze di quei regimi nazisti e fascisti alla cui sconfitta aveva collaborato. Il Parlamento della Repubblica trovò la forza di rimarginare quella ferita con l’unica medicina possibile: quella della conoscenza e della ricerca della verità. È un compito- conclude la presidente dell'Assemblea legislativa- che vogliamo mantenere vivo ogni anno, perché anche da quella tragedia, passa la costruzione della nostra identità nazionale”. L'Assemblea legislativa organizza un convegno - “Giorno del ricordo. Confini difficili. Un racconto per immagini e parole del viaggio tra Trieste e Lubiana realizzata da alcuni classi di studenti di Modena e Parma” - in programma a partire dalle ore 10,30 di venerdì prossimo 12 febbraio nella Sala Polivalente "Guido Fanti" di viale Aldo Moro 50, a Bologna: i ragazzi delle scuole di Parma e di Modena che - all’interno dei progetti “Viaggi della Memoria” promossi dall’Assemblea stessa - hanno visitato i luoghi del confine orientale racconteranno la loro esperienza e si confronteranno con insegnanti e cittadini. La presidente Saliera aprirà la mattinata con i saluti istituzionali per poi lasciare spazio agli studenti e ai direttori degli Istituti storici delle due città: i giovani di Parma presenteranno il loro lavoro “Letture e immagini dal viaggio: dal blog al volume cartaceo”, mentre gli alunni modenesi parleranno di “Riflessioni e brevi video sui luoghi di memoria visitati durante il viaggio”. A seguire, la proiezione del documentario “Il racconto di un confine difficile” realizzato da Giulia Bondi durante l’edizione del viaggio degli studenti di Modena del novembre 2015.

Post

18 Marzo 2019

Il ricordo di Marco Biagi

“Ricordare la figura, il pensiero e l’opera di Marco Biagi è un dovere civile per tutte le Istituzioni. Il suo barbaro omicidio ferisce ancora tutta Bologna, la nostra regione e il Paese e interroga le nostre coscienze. Il dolore per la sua morte non trova pace perché è stata assassinata una persona e inferto un colpo ai valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto che sono alla base del nostro vivere comune e della coesione della nostra città”.

16 Marzo 2019

Al via i lavori per il Museo Presidio Ogr in Assemblea legislativa

La storia dell'Officina Grandi Riparazioni trova casa nell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Procedono infatti speditamente i lavori per realizzare il nuovo spazio espositivo dedicato alla storia dell’OGR di Bologna (oggi Officina Manutenzione Corrente) che dal luglio scorso ha lasciato la storica sede di Via Casarini per trasferirsi in via del Lazzaretto.