Post

14 Gennaio 2016

In memoria di Enrico Giusti

"Il lavoro e i diritti come momento di sviluppo e di emancipazione della persona umana. L'impegno comune delle persone per costruire una società migliore, dove a ognuno venga riconosciuto ciò che chiediamo venga riconosciuto a ognuno di noi. Questa è stata la lotta di persone come Enrico Giusti. Questo è il motivo per ricordarlo".

Con queste parole, domani, Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ed ex sindaco Pianoro, partecipare, insieme a Pier Luigi Stefanini, Presidente dell'Unipol, e Vasco Errani, già Presidente della Regione Emilia-Romagna, alla presentazione del libro "Nuova esperanca miracolo brasiliano" (edizioni Pendragon) dedicato all'impegno di Enrico Giusti, sacerdote e sindacalista della Cisl e amico personale del Presidente Brasiliano Lula. L'appuntamento, organizzato dalla Cisl metropolitana di Bologna, è per domani pomeriggio alle ore 18 nei locali del sindacato di via Milazzo. Il volume che ripercorre l'opera di Enrico Giusti per la redenzione delle favelas brasiliana è stato realizzato a cura di Giorgio Di Primio dell'associazione "Amigos de Pianoro" che presenterà il libro insieme a Andrea Cortesi ISCOS Emilia Romagna. Sono, inoltre, previste testimonianze di amici di Enrico Giusti. L'incontro sarà coordinato da Alessandro Alberani, segretario della Cisl metropolitana di Bologna.

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.