Post

11 Dicembre 2015

Benvenuto al nuovo vescovo Matteo Maria Zuppi

"A nome mio personale e dell'intera Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, Le rivolgo, in occasione del Suo insediamento alla guida della Diocesi di Bologna, i migliori auguri di buon lavoro nella convinzione e nella speranza che ci saranno occasioni di reciproca collaborazione, nel rigoroso rispetto dei reciproci ruoli, nell'interesse del bene comune delle nostra comunità, colpita da una lacerante crisi economica e sociale ha eroso diritti e garanzie che pensavamo conquistati per sempre".

Con queste parole Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, saluta l'insediamento di monsignor Matteo Maria Zuppi, nuovo Arcivescovo di Bologna, che domani prenderà possesso della diocesi petroniana. La Presidente Saliera non dimentica un pensiero particolare per l'arcivescovo emerito, Cardinale Carlo Caffarra, che ha guidato la Chiesa bolognese fino ad oggi: "Lo ringraziamo per l'opera e la passione con cui ha svolto il suo magistero episcopale in questi travagliati anni, non rinunciando mai a mettere in guardia la nostra società dai rischi dell'egoismo e dell'individualismo".

Post

18 Settembre 2020

I 70 anni di sacerdozio di Don Lorenzo Lorenzoni

Parrocchia di Montecalvo in festa con il Cardinale Matteo Maria Zuppi, per i 70 anni di ordinamento sacerdotale di Don Lorenzo Lorenzoni, il parroco 94 enne che oltre 10 anni ha letteralmente ricostruito la parrocchia alle porte di Bologna e che proprio da sette decenni è in "servizio permanente", prete dalla mattina alla sera sempre in attività.

24 Agosto 2020

Referendum 20-21 settembre 2020: le ragioni del NO

"L'Idea di Pianoro" REFERENDUM DI SETTEMBRE. Abbiamo chiesto un giudizio a Simonetta Saliera, già sindaco di Pianoro e presidente dell'Assemblea regionale: "Torniamo alla Costituzione. Il valore di una Costituzione e la sua efficacia li si misura nell'arco dei decenni. Da troppi anni la nostra Costituzione (che fu il frutto dell'incontro tra le culture democratiche laiche, cattoliche e marxiste, all'indomani dell'immane tragedia della Seconda Guerra Mondiale) è sotto attacco, tenuta come un foglio sospeso sul bordo di un cestino.