Post

2 Dicembre 2015

Da sette a tre dirigenti, un'Assemblea più snella per i cittadini

Dalle attuali sette Aree a sole tre, ‘Attività legislativa’, ‘Diritti dei cittadini’, ‘Funzionamento’. Oggi l’Ufficio di Presidente dell’Assemblea legislativa ha approvato all’unanimità le “Linee di indirizzo in materia di organizzazione e gestione del personale”, che saranno operativi dal primo febbraio 2016 e che prevedono il passaggio dagli attuale sette a tre dirigenti. “E’ una nuova tappa nel processo di autoriforma dell’Assemblea: oltre il risparmio economico si va verso una maggiore efficacia del lavoro delle strutture dell’Assemblea, con positive ricadute sia sulla vita interna dell’Istituzione, sia sulle politiche pubbliche rivolte ai cittadini e alle nostre comunità”, spiega Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa, che ricorda anche come “per la prima volta si introduce, in capo alla Direzione generale, il controllo di gestione. Vogliamo valorizzare le professionalità cresciute in questi anni puntando al coinvolgimento di tutto il personale e a maggiori sinergie e collaborazioni con la Giunta. Vogliamo un’Assemblea che legiferi sempre meglio, che abbatta la burocrazia eliminando la carta, grazie a procedure esclusivamente informatizzate, e che diventi sempre di più l’Assemblea dei diritti, aperta a cittadini e territori”.

La riorganizzazione Attualmente la macchina assembleare è guidata dalla Direzione generale, che coordina sette Servizi e sei dirigenti (uno ha l’interim di un secondo servizio): Organizzazione, bilancio e attività contrattuale; Sistemi informativi-informatici e innovazione; Segreteria e affari legislativi; Coordinamento Commissioni assembleari; Documentazione, Europa, cittadinanza attiva; Istituti di Garanzia; Co.Re.Com. Una struttura che viene completamente ridisegnata nelle Linee guida approvate dall’Up. In particolare, alla Direzione generale vengono assegnate le funzioni di pianificazione, programmazione, coordinamento e controllo di gestione, supporto all’Ufficio di Presidenza; gestione e sviluppo della rete di collaborazioni istituzionali; supporto normativo; progetti integrati strategici; relazioni “Europa”. La nuova architettura è poi basata su tre aree al posto dei sette Servizi esistenti: Area Attività Legislativa; Area Diritti dei Cittadini; Area Funzionamento. Nell’Area Attività legislativa rientreranno Attività legislativa, Attività delle Commissioni, Nucleo Contratti pubblici, Anticorruzione e trasparenza. Nell’Area Diritti dei cittadini, Istituti di Garanzia (Difensore civico, Garante dell’Infanzia e dell’adolescenza, Garante delle persone private della libertà personale), Co.re.com, Documentazione, Cittadinanza attiva, Consulta Emiliano-Romagnoli nel mondo. Nell’Area Funzionamento, Organizzazione, Sistemi informativi-informatici e innovazione, Bilancio, Sicurezza, Logistica. Infine, il Servizio Informazione e comunicazione istituzionale rimane in staff all’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea come struttura speciale.

Post

18 Settembre 2020

I 70 anni di sacerdozio di Don Lorenzo Lorenzoni

Parrocchia di Montecalvo in festa con il Cardinale Matteo Maria Zuppi, per i 70 anni di ordinamento sacerdotale di Don Lorenzo Lorenzoni, il parroco 94 enne che oltre 10 anni ha letteralmente ricostruito la parrocchia alle porte di Bologna e che proprio da sette decenni è in "servizio permanente", prete dalla mattina alla sera sempre in attività.

24 Agosto 2020

Referendum 20-21 settembre 2020: le ragioni del NO

"L'Idea di Pianoro" REFERENDUM DI SETTEMBRE. Abbiamo chiesto un giudizio a Simonetta Saliera, già sindaco di Pianoro e presidente dell'Assemblea regionale: "Torniamo alla Costituzione. Il valore di una Costituzione e la sua efficacia li si misura nell'arco dei decenni. Da troppi anni la nostra Costituzione (che fu il frutto dell'incontro tra le culture democratiche laiche, cattoliche e marxiste, all'indomani dell'immane tragedia della Seconda Guerra Mondiale) è sotto attacco, tenuta come un foglio sospeso sul bordo di un cestino.