Post

26 Ottobre 2015

L'Assemblea cofinanzia una ricerca sulla strage di Ustica

Una ricerca di studio sulla strage di Ustica realizzata da giovani laureati e cofinanziata dall’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna.

Questo il contributo di viale Aldo Moro in occasione del convegno 1980. L’anno di Ustica” realizzato dall’Istituto per la storia e le memorie del novecento – Parri e dall’Associazione Famigliari Vittime della Strage di Ustica, che si terrà a Bologna il 29 e 30 ottobre prossimi e che viene presentato oggi nel capoluogo emiliano. “Vogliamo la verità. Tutta la verità L’Assemblea legislativa regionale ha fortemente creduto nella realizzazione di questa iniziativa. Bologna e l’Italia, infatti, vogliono ricordare. E vogliono la verità, tutta la verità. Ciò che accadde nel cielo di Ustica in quella tragica notte del 1980 è una cicatrice sulla pelle della nostra democrazia. Ricordare non è solo un esercizio retorico: è vaccinarsi dalla tentazione dell’oblio e dell’omologazione. E’ tenere vivi gli anticorpi che una società ha maturato nel corso della propria storia per non rivederne le tragedie. E’ rendersi immuni dalla superficialità e dal rischio che distruggendo la memoria si cancelli la base stessa della nostra identità”, spiega in un messaggio agli organizzatori del convegno, Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. “La nostra fatica del vivere quotidiano è piena di tribolazioni, di paure e di ansie, ma se possiamo continuare a vivere in una democrazia è perché attraverso la memoria sappiamo rendere un omaggio a chi ha perso la vita in tragedie come quella di Ustica. E’ un dovere quotidiano che va di pari passo con l’impegno di tutti noi nel chiedere che su fatti come questo, che così tanto hanno ferito la nostra coscienza civile, sia fatta completa luce”, spiega Saliera per la quale “per arrivare ad avere la verità, tutta la verità. Per questi motivi, siamo al vostro fianco e cercheremo di aumentare sempre il nostro impegno per rafforzare la memoria di quanto è accaduto e non rinunciare mai alla ricerca della verità.

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.