Post

6 Settembre 2015

Formazione e conoscenza per non avere paura dei profughi

"L'Emilia-Romagna ha una storia piuttosto lunga di integrazione e di collaborazione tra enti locali e parti sociali per favorire l'integrazione delle persone. E' un'esperienza che dura dai primi anni 90 e che anche io, all'epoca sindaco del mio Comune, ho conosciuto bene. I cittadini stranieri regolari residenti in Emilia-Romagna sono il 13,8%; l 15% degli studenti sono figli di stranieri, la metà dei quali nati in Italia; i lavoratori stranieri in Emilia-Romagna contribuiscono alla fiscalità regionale e al mantenimento in equilibrio delle casse dell'Inps con 1,4 miliardi all'anno".

Così ieri sera, nel corso di un incontro alla Festa provinciale dell'Unità con, tra gli altri, l'onorevole Cecile Kyenge e il viceministro Filippo Bubbico, Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea regionale, è intervenuto sul tema accoglienza profughi e immigrati. "Le Istituzioni, a tutti i livelli partendo dal Governo, devono continuare a costruire le condizioni per accoglienza e integrazione: facendo in modo che chi arriva in Italia impari la lingua, prenda coscienza dei propri diritti e dei propri doveri, delle regole e delle opportunità. Serve - insiste Saliera - creare condizioni per reciproca conoscenza, la conoscenza reciproca fra culture è un modo per superare le paure e le fobie. In questi anni l'Assemblea regionale ha lavorato e continuerà a lavorare perché questo miglioramento nella nostra comunità prosegua: in un momento in cui le scuole sono tutte in condizioni economiche difficili, senza le risorse necessarie e con seri problemi, l'Assemblea regionale è impegnata a sostenerle in questi processi culturali il cui obiettivo è educare, educare alla memoria per non ripetere gli errori del passato: muri, fili spinati, numeri scritti sulle braccia delle persone. Tutte cose che vediamo in questi giorni, ma che nella storia non hanno certo portato bene...".

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.