Post

12 Agosto 2015

Storia e Internet, Erasmus premia Assemblea regionale e Istituto Parri

L'Istituto Parri di Bologna e l'Assemblea regionale dell'Emilia-Romagna portano la "e-story" in Europa. Il Parri e l'Assemblea regionale, infatti, sono stati selezionati dall'Agenzia italiana del progetto Erasmus Plus, l'ente che coordina le collaborazioni in sede europea per scuola, università  ricerca scientifica, per realizzare grazie a un finanziamento europeo il progetto "E-story", che prevede studio e diffusione della storia sul web e  promozione delle competenze digitali nella didattica. 

"Abbiamo vinto!  È' per noi grandissima soddisfazione essere in Europa punto di riferimento su queste tematiche che con l'Assemblea Legislativa abbiamo portato avanti e approfondito negli ultimi anni", spiega Luisa Ciognetti dell'Istituto Parri dell'Emilia-Romagna. Soddisfazione è espressa anche da Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale, che ricorda come "la collaborazione con l'Istituto Parri e gli Istituti storici è un punto di forza dell'azione dell'Assemblea sull'importante piano della formazione e dell'impegno con scuole e università per la diffusione della storia e della cultura: chi dimentica le proprie tragedie è condannato a riviverle". Per la Presidente dell'Assemblea, quindi, "il successo del lavoro comune dimostra come le Istituzioni regionali siano un punto di riferimento per lo sviluppo della nostra comunità". Il nuovo progetto europeo Assemblea-Parri prevede di implementare la ricerca e la diffusione della scuola attraverso modelli multimediali e le cosiddette nuove tecnologie. "L'Assemblea crede fortemente al mantenimento della memoria collettiva della nazione: da qui l'impegno nei giorni scorsi per sostenere con 150.000 euro i "viaggi delle memoria" nei luoghi delle tragedie del Secolo Breve, e oggi - sottolinea Saliera - la notizia arrivata dall'Europa di un forte sostegno per i progetti di e-story fatti in collaborazione con il Parri".


Il precedente: manca una storia comune del Vecchio Continente

Il successo in sede europea del binomio Parri-Assemblea, è anche, il frutto anche di quanto fatto in passato. Una collaborazione, infatti, che già negli scorsi anni ha dato risultati positivi proprio sul versante "la storia sul web". A fine 2014, infatti, è stato presentato l'esito del progetto di ricerca “Storia e comunicazione in Europa”, realizzato sempre dall’Istituto per la storia e le memorie del ‘900 - ‘Parri’ in collaborazione con l’Assemblea legislativa regionale. La ricerca (pubblicato poi pubblicato sulla Rivista di studi internazionali, prestigiosa pubblicazione storiografica frutto della sinergia tra le Università di Torino, Toronto (Canada) e Lugano (Svizzera)) ha preso in considerazione trasmissioni televisive e social network (siti internet, Facebook, ecc…) a carattere storico nel periodo 2007-2014 in 14 nazioni dell’Unione europea (Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Belgio, Polonia, Lituania, Spagna, Slovacchia, Germania, Portogallo, Italia, Finlandia, Romania, Ungheria e Francia) ed è emerso che il modello di storia raccontato dalle Tv di ogni singolo Paese è strettamente nazionale, mentre solo per le grandi tragedie legate alle due Guerre Mondiali e ai totalitarismi del ‘900 ci sono letture storiografiche sovranazionali. Lo studio ha dunque evidenziato come manchi una lettura comune della storia europea nei vari stati Ue. Una omissione che, forse, spiega buona parte dei problemi che l'Unione europea sta vivendo.

Post

13 Novembre 2018

Saluto al congresso regionale Spi-Cgil dell'Emilia-Romagna

Vincere la sfida della solitudine e dell’impoverimento dei salari e delle pensioni. E’ questo il succo del messaggio che Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, ha inviato allo Spi-Cgil, che tiene il proprio congresso regionale a Cervia.

11 Novembre 2018

Ricordo della Battaglia di Porta Lame

"La Battaglia di Porta Lame è una tappa fondamentale nel percorso di recupero della libertà degli Italiani, del riscatto della dignità della nostra Patria dopo 20 anni di dittatura e di guerra. Oggi è anche il momento per ricordare, con onore e rispetto, due grandi bolognesi che non ci sono più, Lino William Michelini e Giancarlo Grazia, che combatterono per la libertà di tutti noi".