Post

24 Luglio 2015

Un monumento itinerante per ricordare il 2 agosto 1980

85 foto per ricordare chi è stato barbaramente ucciso il 2 agosto del 1980 alla Stazione di Bologna.

Nel 35^ anniversario della strage che insanguinò Bologna, l’artista Sonia Lenzi ha realizzato una mostra fotografica che fa parlare le potenziali vittime. “Avrei potuto essere io” è un ‘monumento portatile’ composto di 85 fotografie in cui altrettante persone di ogni sesso, età, condizione sociale e culturale raccontano come lo stragismo non fa differenze: ognuna di loro, se si fosse trovata in stazione a Bologna nell’estate di 35 anni fa, sarebbe morta, come è avvenuto per le vittime della bomba. “Come Assemblea legislativa regionale- spiega la presidente dell’Assemblea, Simonetta Saliera- abbiamo ritenuto doveroso patrocinare anche questa iniziativa volta a ricordare e tenere viva la memoria di quello che è stato. C’è la necessità di fare piena luce sulla strage di Bologna, così come su tutte le altre vicende terroristiche che hanno insanguinato il nostro Paese: la memoria è un dovere civile, perché solo chi ricorda non cede all’oblio, quel silenzio che permette alle pagine più brutte della nostra storia di rivivere”. L’impegno per la Memoria: tutte le iniziative Tenere in vita la memoria di ciò che è accaduto a Bologna il 2 agosto del 1980: è l’obiettivo alla base dell’impegno dell’Assemblea legislativa regionale rivolto soprattutto alle scuole, grazie alla collaborazione con l’Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980. Intesa che, a partire dall’anno scolastico 2010/11, ha visto realizzate molte attività rivolte alle scuole secondarie di primo e secondo grado dell’Emilia-Romagna. Gli insegnanti si sono resi protagonisti, con gli studenti, della formazione e dell’educazione alla cittadinanza attiva, stimolata attraverso l’analisi della storia. Un progetto, quello voluto dall’Assemblea legislativa e dall’Associazione dei familiari delle vittime, che prevede tuttora numerose iniziative. Tra queste, quella intitolata “Educare attraverso i luoghi”, che prevede un tragitto per gli studenti attraverso Bologna che colleghi “presente-passato-presente”, con un percorso che inizia dalla stazione, “vero e proprio luogo di memoria”. Dopo le numerose esperienze fatte negli anni scorsi, questo laboratorio sarà ripresentato nell’anno scolastico 2015-16. C’è poi il ciclo di proiezioni di video girati dagli studenti nell’ambito di attività svolte nelle scuole durante l’ultimo anno scolastico, intitolato “Google non c’era, ma mia nonna sì! La strage del 2 agosto nelle scuole”: prossimo appuntamento a Bologna, al centro sociale ‘G. Costa’, la sera del prossimo 31 luglio. Da sottolineare la mostra fotografica “La memoria del soccorso”. Per il 35^ anniversario della strage alla stazione, il Collegio Ipavsi degli Infermieri di Bologna, in collaborazione con l’Associazione 2 agosto 1980 e l’Associazione Piantiamolamemoria, allestirà a Palazzo d’Accursio la rassegna (visitabile dal 1^ al 24 agosto 2015) con scatti di Paolo Ferrari e Paolo Righi. L’esposizione prevede foto scattate il 2 agosto 1980 durante i soccorsi, ma anche immagini che raccontano l’attualità del servizio 118. Alla mostra sarà affiancata l’esposizione dei disegni delle classi 5^A e 5^B della Scuola primaria “Villa Torchi” (Quartiere Navile) di Bologna, realizzati nell’ambito degli incontri con le scuole tenutisi durante lo scorso anno scolastico. Viene poi costantemente aggiornata la sezione dedicata alle scuole del sito web “Mappe di memoria”, arricchito continuamente con strumenti di autoformazione e di prodotti dei laboratori effettuati dai ragazzi delle scuole. È quindi prevista la stampa del quaderno “La memoria come un tesoro: la strage di Bologna”, con i lavori degli alunni della Scuola primaria villa Torchi, prodotto finale di uno specifico laboratorio. Questo lavoro è stato premiato il 9 maggio scorso al concorso nazionale Tracce di memoria 2015. Infine, il progetto che ha per titolo “Anni settanta: movimenti, riforme, partecipazione, soggetti collettivi, minacce alla democrazia”: verrà svolto alla scuola di Scienze dell’educazione dell’Università di Bologna, e il focus iniziale sarà riservato alla strage alla stazione di Bologna, all’analisi storica e alla sua contestualizzazione, quindi agli anni Settanta, che sono stati quelli della partecipazione civile, ma anche gli anni in cui la violenza politica e i terrorismi hanno messo a dura prova il vivere democratico, colpendo in modo particolare Bologna e la sua provincia. Le iniziative promosse dall’Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 e dall’Assemblea legislativa regionale, vengono realizzate in collaborazione con il Centro storia, educazione, politica Dipartimento di Scienze dell’Educazione “G. M. Bertin” dell’Università di Bologna e con l’Istituto per la storia e la memoria del ‘900 “Parri”. Ulteriori collaborazioni: Rete degli archivi per non dimenticare, Istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea dell’Emilia Romagna, Associazione Piantiamolamemoria, Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca scientifica.

Post

13 Novembre 2018

Saluto al congresso regionale Spi-Cgil dell'Emilia-Romagna

Vincere la sfida della solitudine e dell’impoverimento dei salari e delle pensioni. E’ questo il succo del messaggio che Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, ha inviato allo Spi-Cgil, che tiene il proprio congresso regionale a Cervia.

11 Novembre 2018

Ricordo della Battaglia di Porta Lame

"La Battaglia di Porta Lame è una tappa fondamentale nel percorso di recupero della libertà degli Italiani, del riscatto della dignità della nostra Patria dopo 20 anni di dittatura e di guerra. Oggi è anche il momento per ricordare, con onore e rispetto, due grandi bolognesi che non ci sono più, Lino William Michelini e Giancarlo Grazia, che combatterono per la libertà di tutti noi".