Post

10 Luglio 2015

Con i famigliari delle vittime della strage di Ustica, chiediamo al governo la verità

A 35 anni di distanza da “una delle pagine più drammatiche della democrazia italiana”, è tempo di “desecretare il materiale relativo alla Strage di Ustica e di renderlo accessibile alle associazioni, agli storici e ai cittadini tutti”.

A chiederlo al Governo sono Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, e Giovanni Ardizzone, presidente dell'Assemblea regionale siciliana, in una lettera inviata al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, su quello che definiscono “un vulnus al nostro tessuto civile e costituzionale, perché si trattò dell’abbattimento di un aereo civile in tempo di pace”. I due presidenti fanno proprio anche l’auspicio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di “rimuovere le troppe pagine di opacità che continuano a pesare sulla nostra vita democratica e che attendono risposte” e chiedono quindi all'esecutivo nazionale di “attivarsi nel consesso internazionale perché tutti coloro che – istituzioni internazionali, Stati esteri, forze armate – hanno ancora elementi utili a stabilire tutta la verità, rendano pubblico all’autorità inquirente e alla pubblica opinione quanto in loro possesso”. Per raggiungere questi scopi, “e arrivare a una verità completa su quello che avvenne in quella tragica notte del 1980” , Saliera e Ardizzone chiedono un incontro alla Presidenza del Consiglio unitamente ai rappresentanti delle Associazioni dei parenti delle vittime.

Post

13 Novembre 2018

Saluto al congresso regionale Spi-Cgil dell'Emilia-Romagna

Vincere la sfida della solitudine e dell’impoverimento dei salari e delle pensioni. E’ questo il succo del messaggio che Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, ha inviato allo Spi-Cgil, che tiene il proprio congresso regionale a Cervia.

11 Novembre 2018

Ricordo della Battaglia di Porta Lame

"La Battaglia di Porta Lame è una tappa fondamentale nel percorso di recupero della libertà degli Italiani, del riscatto della dignità della nostra Patria dopo 20 anni di dittatura e di guerra. Oggi è anche il momento per ricordare, con onore e rispetto, due grandi bolognesi che non ci sono più, Lino William Michelini e Giancarlo Grazia, che combatterono per la libertà di tutti noi".