Post

30 Giugno 2015

Il cinema antimafia

In dieci anni di attivita'', ha percorso 80.000 chilometri, toccato 150 citta'' e coinvolto 70.000 persone. Ora, la carovana di "Libero cinema in libera terra", il festival itinerante di cinema contro le mafie, e'' pronta a rimettersi in viaggio. Dalla Sicilia, a Licata, si spostera'' attraverso l''Italia, nelle piazze e nelle strutture confiscate alla mafia, fino a raggiungere Parigi e Berlino grazie al patrocinio del Parlamento Europeo.

E tra le 21 tappe, non poteva mancare l''Emilia-Romagna, la regione che "ha la percenutale piu'' alta di beni confiscati rimessi a disposizione di funzioni pubbliche (il 25%)". Tre gli appuntamenti previsti: il 16 luglio a Rimini e il 2-3 ottobre a Ferrara, in occasione del Festival Internazionale. La rassegna, promossa dalla fondazione Cinemovel, l''associazione contro le mafie Libera e Unipolis, e'' appoggiata dalla Regione, ancora scossa dall''inchiesta Aemilia sulle infiltrazioni della criminalita'' organizzata, per cercare di promuovere quella che la presidente del Consiglio regionale Simonetta Saliera chiama "la cultura della bellezza", che respinge il pensiero mafioso. "La cultura dell''antimafia in Italia ha fatto passi da gigante rispetto ad altri paesi- commenta nel corso della conferenza di presentazione del festival- e questa e'' la dimostrazione che le idee e i sogni si concretizzano solo se le Istituzioni collaborano con il mondo associativo e quello delle imprese". Il festival e'' un "proiettore che si accende sul bene", come lo definisce Nello Ferrieri della Cinemovel, nato proprio per portare un certo tipo di cinema (quello impegnato contro la mafia) direttamente ai cittadini, attraverso proiezioni pubbliche che allo stesso tempo "restituiscono dignita'' ai luoghi". I maxischermi vengono accesi proprio in territori che sono stati toccati dalla criminalita'' organizzata (sei date solo in Sicilia, tre in provincia di Caserta) o in spazi che sono stati tolti alle mafie e restituiti alla legalita''. "Vogliamo creare attenzione sul tema e stimolare un dibattito attraverso la cultura", spiega Ferrieri. E in molti casi la carovana del cinema ha creato "qualcosa di bello": come quando ha proiettato "I cento passi" a Corleone o quando a Polistena, in Calabria, dopo l''incontro con il festival e l''iniziale diffidenza, un gruppo di cinefili ha dato vita a un cinema all''aperto. Tra i titoli proposti, ci saranno classici come "Le mani sulla citta''" di Francesco Rosi (che aprira'' e chiudera'' la rassegna) e film recenti da "Anime Nere" di Francesco Munzi a "La mafia uccide solo d''estate" di Pif. "Quest''anno abbiamo deciso di dare visibilita'' anche a due documentari", continua Ferrieri. E si tratta proprio delle due proiezioni che toccheranno l''Emilia-Romagna. "La zuppa del demonio" di Davide Ferrario sara'' presentato in piazza Cavour a Rimini e tratta il tema della natura ambigua del progresso. A Ferrara, invece, oltre a questo sara'' proiettato anche "Let''s Go": un racconto, diretto da Antonietta De Lillo, del viaggio di un fotografo-scrittore esodato da Napoli a Milano, attraverso l''Italia della crisi.

Post

18 Marzo 2019

Il ricordo di Marco Biagi

“Ricordare la figura, il pensiero e l’opera di Marco Biagi è un dovere civile per tutte le Istituzioni. Il suo barbaro omicidio ferisce ancora tutta Bologna, la nostra regione e il Paese e interroga le nostre coscienze. Il dolore per la sua morte non trova pace perché è stata assassinata una persona e inferto un colpo ai valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto che sono alla base del nostro vivere comune e della coesione della nostra città”.

16 Marzo 2019

Al via i lavori per il Museo Presidio Ogr in Assemblea legislativa

La storia dell'Officina Grandi Riparazioni trova casa nell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Procedono infatti speditamente i lavori per realizzare il nuovo spazio espositivo dedicato alla storia dell’OGR di Bologna (oggi Officina Manutenzione Corrente) che dal luglio scorso ha lasciato la storica sede di Via Casarini per trasferirsi in via del Lazzaretto.