Post

4 Maggio 2015

2 agosto, un portale per ricordare il dramma delle stragi

Un portale per fare memoria sulle stragi, con documenti, approfondimenti, ricostruzioni, interviste, file audio e video e strumenti didattici sulla strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980 e su quelle dei treni Italicus e Rapido 904.

Ma anche un portale sui fatti di terrorismo e di violenza politica che hanno colpito l'Emilia-Romagna negli anni '70 e '80. E' stato presentato alla stazione centrale di Bologna, dove esplose la bomba, il portale www.mappedimemoria.it, spazio web voluto dall'Associazione dei familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna, con il supporto dell'Assemblea legislativa regionale, e destinato ai giovani. E' un progetto che serve a tenere viva la memoria per i ragazzi. L'Assemblea legislativa ci permette di portare avanti un lavoro proficuo e interessante, su temi di cui si parla poco nei testi scolastici. La nostra testimonianza e' un veicolo di memoria molto importante". L'Associazione familiari delle vittime da anni collabora con le scuole della regione realizzando laboratori e percorsi didattici per proporre agli studenti la conoscenza di quegli eventi. La presentazione del progetto e' avvenuta insieme a una terza media delle scuole Galileo Ferraris di Modena. Si apre un sito che racconta gli anni '70, anni di riforme ma anche anni terribili, di terrorismo e di battaglie. La stazione e' per noi un luogo di memoria, che i ragazzi non conoscono. E questa mattina si e' tenuta una bella lezione ai giovani.

Post

15 Gennaio 2019

Cordoglio per la morte del Sindaco di Danzica

"Con dolore esprimo le più sentite condoglianze alla famiglia di Pawel Adamowicz, uomo libero ed antifascista, e all'intera città di Danzica di cui per sei mandati è stato stimato ed amato sindaco".

13 Gennaio 2019

Saluto alla comunità orotodossa bolognese per i suoi 45 anni in città

"Dobbiamo lavorare tutti insieme per costruire un mondo migliore, di lavoro, di pace e di giustizia. Le religioni sono molto importanti quando operano in un quadro di amore e di reciproco rispetto".