Post

27 Aprile 2015

Domani a Carpi nel nome della memoria di Fossoli

La memoria è il valore fondante della nostra società e della nostra democrazia: solo Dio può vivere in un eterno presente e l’oblio del ricordo di ciò che siamo stati ci condanna a rivivere gli aspetti peggiori del nostro passato.

Con questo pensiero domani interverrò a “Obiettivo Memoria. Narrazione da ‘Un treno per Auschwitz’”, iniziativa organizzata dalla Fondazione Fossoli e che vedrà la partecipazione dei ragazzi delle scuole emiliano-romagnoli che hanno partecipato al progetto, realizzato anche grazie al sostegno dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, dedicato alla memoria della tragedia dell’Olocausto. In questi giorni l’Assemblea ha rinnovato la convenzione con la Fondazione Fossoli proprio perché dobbiamo proseguire su questa strada: educare i giovani, anche in contesto europeo, attraverso la conoscenza di cosa è stata la Shoah e raccogliere le testimonianze dei sopravvissuti perché la memoria va preservata e tramandata. In questi anni sono stati coinvolti oltre 5.000 ragazzi e questo è un elemento molto positivo. L’appuntamento di domani è, a partire dalle ore 9,30, al Teatro di Carpi.

Post

20 Marzo 2019

Museo Ogr in Assemblea legislativa, la lettera di Afeva

“Grazie Presidente Saliera: Lei ci ha riavvicinati alle istituzioni repubblicane, e ha dato un esempio di come ci si dovrebbe comportare quando si riveste una importante carica pubblica”. A pochi giorni dall’avvio dei lavori per la realizzazione del Museo Ogr nei locali dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna e nel giorno in cui è iniziato il trasferimento dei reperti storici, la Cgil, l’Afeva (Associazione dei famigliari delle vittime dell’amianto) e l’Associazione Artecittà ringraziano la Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna per il ruolo svolto nella salvaguardia del materiale della storica officina bolognese.

20 Marzo 2019

La Val di Zena si racconta in un volume

Dalla balena fossile di Gorgognano al tritone testato, dalla Grotta della Spipola alla Torre dell’Erede, passando per il Castello di Zena e la Pieve di Gorgognano.