Post

15 Ottobre 2014

Comuni più forti, la "buona pratica" dell'Emilia-Romagna

Il Commissario alla "spending" Cottarelli ha detto, nel corso di un'audizione alla Camera dei Deputati, che in Italia 8.000 Comuni sono troppi. Un invito a rafforzare le nostre Comunità creando Comuni più grandi e forti che l'Emilia-Romagna ha anticipato da tempo: nel corso di questi 4 anni sono state fatte 4 fusioni di Comuni, tra cui quella di Valsamoggia in provincia di Bologna, e grazie a una legge regionale che ha anticipato molti provvedimenti nazionali facendo da apripista, sono nate 46 Unioni di Comuni in modo che il 90% dei cittadini vive o in capoluoghi o in Comuni aderenti a Unioni di Comuni.

Perché lo abbiamo fatto? Perché crediamo che comunità più forti aiutino meglio le persone, perché in questo modo si riducono i costi di gestione e si liberano risorse per i servizi sociali, il lavoro e le imprese e la cura del territorio che ne ha tanto bisogno. Come lo abbiamo fatto? Lavorando sodo, discutendo e poi operando insieme alle parti sociali, ai comitati di cittadini e alla popolazione. E' una "buona pratica" che l'Emilia-Romagna offre al Paese. Una strada su cui dobbiamo lavorare molto nei prossimi anni, ma su cui abbiamo già fatto molti passi.  

Post

18 Marzo 2019

Il ricordo di Marco Biagi

“Ricordare la figura, il pensiero e l’opera di Marco Biagi è un dovere civile per tutte le Istituzioni. Il suo barbaro omicidio ferisce ancora tutta Bologna, la nostra regione e il Paese e interroga le nostre coscienze. Il dolore per la sua morte non trova pace perché è stata assassinata una persona e inferto un colpo ai valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto che sono alla base del nostro vivere comune e della coesione della nostra città”.

16 Marzo 2019

Al via i lavori per il Museo Presidio Ogr in Assemblea legislativa

La storia dell'Officina Grandi Riparazioni trova casa nell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Procedono infatti speditamente i lavori per realizzare il nuovo spazio espositivo dedicato alla storia dell’OGR di Bologna (oggi Officina Manutenzione Corrente) che dal luglio scorso ha lasciato la storica sede di Via Casarini per trasferirsi in via del Lazzaretto.