Post

20 Ottobre 2020

5.000 euro per salvare i cipressi di Montecalvo

Per “salvare” i cipressi di Montecalvo servono circa 5.000 euro. È arrivata alla meta, infatti, la prima parte della messa in sicurezza degli antichi cipressi che da metà ‘800 costeggiano il viale della Chiesa di San Giovanni Battista a Montecalvo, in Comune di Pianoro.

Lo scorso luglio, raccogliendo l’appello lanciato da Don Lorenzo Lorenzoni (il parroco 94enne che nell’ultimo ventennio ha ricostruito la parrocchia e la Chiesa) e di Simonetta Saliera, già sindaco di Pianoro e già Presidente dell’Assemblea legislativa regionale, l’Ente Parco Emilia-Orientale presieduto da Sandro Ceccoli, si era preso l’impegno di realizzare una relazione tecnica sullo stato di salute dei cipressi. Nei giorni scorsi Ceccoli ha consegnato il documento al parroco, a Saliera e ai rappresentanti delle Istituzioni locali. Un documento accurato e approfondito che ha “visitato” ogni singolo cipresso e dal quale emerge che per riportare agli splendori e mettere in sicurezza gli alberi bisogna essenzialmente fare tre operazioni: abbattere e sostituire un cipresso secco, allargare alcuni basamenti della pavimentazione in cui gli alberi sono inserito in modo da dare più aria alle radici e fare un po’ di manutenzione ordinaria alle piante. Operazioni il cui costi viene stimato sui circa 5.000 euro, una cifra apparentemente ridotta, ma che pesa non poco sul bilancio della parrocchia. Da qui l’appello del parroco e delle Istituzioni affinché ci sia una gara di solidarietà per trovare le risorse. “Chi volesse aiutare Don Lorenzo a vincere la sua sfida faccia un’offerta”, è l’appello che parte da Montecalvo e che si spera venga accolto dal generoso cuore dei pianoresi e dei bolognesi. “Quegli alberi sono parte della nostra storia”, commenta Saliera che, come cittadina pianorese, ha anche presentato alla Regione Emilia-Romagna la domanda di iscrizione dei cipressi di Montecalvo nel Registro regionale degli alberi monumentali.

Post

26 Febbraio 2021

Cordoglio per la scomparsa di Bruno Pizzica

"Bruno Pizzica è stato un uomo e un sindacalista di grande umanità e impegno: da sempre in prima fila nella difesa dei lavoratori, nella costruzione di soluzioni avanzate e rispettose della dignità della persona quando si parlava di anziani e di welfare. La sua morte mi riempie di dolore: a sua moglie, ai suoi cari, alle compagne e ai compagni della Cgil, a tutti coloro che hanno lottato insieme a lui dedicando una vita ai diritti dei lavoratori e alla costruzione di una società più giusta, vanno le mie più sentite condoglianze".

8 Febbraio 2021

I quadri di Roffi per Don Lorenzoni e i cipressi di Montecalvo

La "Trilogia dei cipressi" dell'artista Giampaolo Roffi celebra gli alberi di Montecalvo e il loro salvataggio, realizzato grazie alla collaborazione tra cittadini, parrocchia e associazioni del territorio.