Post

5 Febbraio 2020

Giorno del Ricordo 2020

Basovizza, Trieste, Pola, Gorizia, Fossoli. 

Nel corso della X legislatura regionale, grazie al lavoro dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, quasi 2.000 studenti emiliano-romagnoli hanno potuto visitare i luoghi simbolo della tragedia delle foibe, gli orribili crimini perpetuati dai militari titini al termine della Seconda Guerra Mondiale sul confine orientale che costarono la vita a migliaia di italiani innocenti. Quest’anno le loro esperienze sono diventate "Giorno del Ricordo 2020" un docufilm realizzato dall'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per celebrare il sacrificio di quanti rimasero vittima della furia titina sul confine orientale italiano. Pubblicato sul sito e sui social network del Parlamento regionale, "Giorno del Ricordo 2020" racconta dell'esperienza di questi 5 anni. “Nel corso della X legislatura regionale, attraverso i progetti dei “Viaggi della Memoria” l’Assemblea legislativa ha voluto dare il proprio contributo allo studio e alla conoscenza di una parte della storia patria per troppo tempo ignorata o strumentalizzata”, spiega Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale, che ricorda come “per 5 anni in occasione del Giorno del Ricordo l’Assemblea ha organizzato incontri con le scuole, mostre e giornate di studio in collaborazione con le scuole e gli Istituti Storici del nostro territorio”. Sempre la Presidente Saliera ha inviato a tutte le scuole e biblioteche dell'Emilia-Romagna una copia formato ebook di "Villaggio San Marco", libro realizzato in collaborazione con la Fondazione Fossoli che racconta la storia del “Villaggio” allestito a Carpi nell'immediato Secondo Dopoguerra per ospitare i profughi italiani in fuga dai territori orientali ceduti alla Jugoslavia al termine del II conflitto mondiale. 

Post

22 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Don Luciano

“La scomparsa di Don Luciano, già parroco di Pianoro Vecchia e Livergnano, è motivo di dolore e di forte dispiacere. Ai suoi famigliari, alla Chiesa di Bologna e a tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato il suo impegno di sacerdote vanno le mie più sentite condoglianze. Ci conoscevamo bene, amava ed era un gran conoscitore di musica in particolare d'organo e aveva una innata curiosità di conoscere il mondo in profondità tanto da studiare diverse lingue come il russo proprio per capire a fondo le persone, la loro vita e le loro profondità. Le nostre zuppette alle 23 di sera erano farcite di musica, pittura antica e racconti di vite nei diversi mondi”.

12 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Sante Tura

"Scienziato di grande livello, medico di stimato valore. Con Sante Tura scompare uno dei bolognesi più illustri, capace di essere appassionato pioniere nel campo della ricerca".