Post

8 Novembre 2019

Saliera-Bonaccini: inaccettabile che sindaco di Predaggio neghi fondi per viaggio della memoria in lager nazista

In un Paese dove la senatrice Segre è costretta a muoversi sotto scorta a causa delle minacce ricevute e un sindaco, a Predappio, nega i fondi per il viaggio della memoria ad Auschwitz a due studenti giudicandola una iniziativa di parte, dall’Emilia-Romagna vogliamo dare un segnale forte e chiaro, con un obiettivo solo: far partire ancora più studenti, ragazzi e ragazze”.

Così Il presidente della Giunta regionale, Stefano Bonaccini, e la presidente dell’Assemblea legislativa, Simonetta Saliera, che esprimono “forte condanna per l’inaccettabile no” del sindaco di Predappio.
“In Emilia-Romagna- proseguono- abbiamo approvato una legge sulla Memoria del Novecento e negli ultimi cinque anni la Regione ha quintuplicato i fondi (oltre 500mila euro nel 2019) proprio per i viaggi della memoria nei campi dello sterminio nazista, nei luoghi dell’orrore delle foibe e della pulizia etnica nei Balcani, perché i ragazzi coltivino il senso della storia diventando portatori di valori – pace, democrazia, contrasto a odio, razzismo e xenofobia – che non possono né potranno mai essere cancellati dall’ignoranza o dal rancore politico. Tanto più da riletture inaccettabili di quanto accaduto. Per questa ragione- proseguono Bonaccini e Saliera- chiediamo alle forze politiche da subito, nell’ambito della discussione sul bilancio 2020 aperta in questi giorni, di alimentare ancor di più le opportunità affinché i ragazzi possano partire in numero ancora maggiore. Già adesso, infatti, sono arrivate 80 richieste per il nuovo anno scolastico e altre ne arriveranno: l’obiettivo, lo ripetiamo, è quello di far partire e riflettere ancora più studenti, perché questo patrimonio culturale e storico rimanga vivo”.

Post

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.

17 Gennaio 2020

ArteFiera-ArtCity 2020 con le opere di Pompilio Mandelli

Grande successo per il taglio del nastro di "Dalla figurazione all'ultimo naturalismo", la personale di Pompilio Mandelli curata da Sandro Malossini e allestita nei locali dell'Assemblea legislativa regionale in occasione di ArteCity-ArteFiera.