Post

18 Ottobre 2019

Successo per l'inaugurazione della mostra della Consulta fra le antiche arti bolognesi

“E’ una mostra chiara e semplice che dovrebbe essere molto presente nelle Istituzioni perché è un corso di formazione per la politica di oggi: guardandola si imparano molte cose e soprattutto come proseguire nella valorizzazione della nostra storia”.

Con queste parole Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, ha inaugurato questa mattina la mostra “Arte-Scienza-Città”, realizzata dalla “Consulta fra le antiche istituzioni bolognesi”. Visitabile fino al 10 novembre nei locali di viale Aldo Moro, la mostra racconta le storie delle “associazioni mutualistiche e culturali attive sotto le Due Torri fin dal lontano Medio Evo, tanto che la più antica – la Compagni dei lombardi – è attiva dal 1170. “Ognuna di queste realtà ci ricordala storia di solidarietà e di mutualità della nostra comunità”, spiega Saliera. Un ringraziamento alla Presidente Saliera “per averci dato l’opportunità di raccontare la nostra storia e tenere viva la nostra attività”, è arrivato dal Presidente della Consulta professor Corinaldesi, anche lui presente al taglio del nastro con altri “consultori”: il suo vice Gianluigi Pagani, Luciano Sita, Elio De Leo e Luigi Enzo Mattei. Proprio Mattei, scultore di fama internazionale, ha voluto allargare il discorso all’impegno di questa legislatura regionale sul tema cultura e arte portato avanti dall’Assemblea legislativa: “La Presidente ha recuperato il legame tra Istituzione e arte: facendo un’attività estetica ha in realtà fatto un’attività etica visto che – spiega Mattei – attraverso arte e cultura ha dato un cuore che batte a un contenitore burocratico e amministrativo come tutti noi pensavamo che fosse la Regione prima di visitare l’Assemblea e le opere in essa esposte”.

Post

22 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Don Luciano

“La scomparsa di Don Luciano, già parroco di Pianoro Vecchia e Livergnano, è motivo di dolore e di forte dispiacere. Ai suoi famigliari, alla Chiesa di Bologna e a tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato il suo impegno di sacerdote vanno le mie più sentite condoglianze. Ci conoscevamo bene, amava ed era un gran conoscitore di musica in particolare d'organo e aveva una innata curiosità di conoscere il mondo in profondità tanto da studiare diverse lingue come il russo proprio per capire a fondo le persone, la loro vita e le loro profondità. Le nostre zuppette alle 23 di sera erano farcite di musica, pittura antica e racconti di vite nei diversi mondi”.

12 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Sante Tura

"Scienziato di grande livello, medico di stimato valore. Con Sante Tura scompare uno dei bolognesi più illustri, capace di essere appassionato pioniere nel campo della ricerca".