Post

8 Luglio 2019

I bambini di Chernobyl hanno colorato l'Assemblea legislativa

Duecento bambini di Chernobyl sono stati ospitati dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna in occasione del “Chernobyl day 2019“: l’appuntamento voluto dal parlamento regionale per incontrare le associazioni del territorio che da oltre 30 anni assistono nel loro soggiorno in Italia i bimbi colpiti dalla radiazioni del disastro nucleare del 1986.

Un’esperienza di accoglienza e di prevenzione sanitaria per i piccoli ucraini e bielorussi, che stamattina sono stati accolti in viale Aldo Moro dalla presidente Simonetta Saliera e dai consiglieri regionali Barbara Lori, Enrico Campedelli, Francesca Marchetti, Roberto Poli, Nadia Rossi, Ottavia Soncini, Luciana Serri e Mirco Bagnari per rinnovare il legame tra l’associazionismo e la Regione. “L’Assemblea legislativa ha voluto fortemente il ‘Chernobyl day’ per far conoscere tutte le associazioni che operano ogni giorno da Piacenza a Rimini e creare un’occasione di incontro”, ha spiegato la presidente Saliera. “Sono oltre 30 anni di associazionismo e solidarietà nei confronti di bambini e di famiglie che hanno subito il disastro di Chernobyl. In questi anni, oltre all’accoglienza di migliaia di bambini, si sono attivati tanti progetti a livello educativo e sanitario in scuole, ospedali e orfanotrofi: un rapporto consolidato fra associazioni, famiglie e istituzioni che oggi stiamo celebrando”. Da qualche anno, infatti, l’Assemblea ha riallacciato i rapporti con le associazioni che già negli anni ’80 dimostrarono attenzione per i bimbi bielorussi, tanto che da allora sono stati oltre 11 mila i bambini ospitati e curati nelle strutture sanitarie emiliano-romagnole. Presente anche il professor Angelo Varni, storico e docente dell’Università di Bologna, che ha curato gratuitamente per l’Assemblea il volume “Progetto Chernobyl. 30 anni di amicizia e solidarietà“: pubblicazione che racconta la storia delle associazioni emiliano-romagnole che si impegnano a favore dei bambini di Chernobyl. “Questo legame trasmette grande positività, nasce dal basso, spontaneamente, e si è alimentato giorno dopo giorno. Un rapporto che cerca di combattere il dolore, sostituendolo con la speranza per un futuro in cui la solidarietà significa dare e ricevere”. Nella mattinata si sono susseguiti interventi e testimonianze dei rappresentanti di varie associazioni (come Help for children, Anpas Bologna, Aiutiamoli a vivere e Puer Gruppo Bologna Coccinella) e anche degli stessi ragazzi che hanno partecipato ai progetti di accoglienza, come il sedicenne Fiasiun Uladzimir. “Vengo in Italia ormai da 9 anni, dal 2010- ha raccontato l’adolescente- ed è stato bello incontrare un popolo così aperto, ci ha fatto capire che non esiste solo freddezza ma anche affetto e capacità di ascolto. Un’esperienza bellissima, tanto che il prossimo anno voglio trasferirmi in Italia e iscrivermi all’università per studiare lingue”. “Noi accogliamo bambini dagli anni Novanta- ha spiegato Enrico Pelassa di Help for the children Parma– e abbiamo accolto oltre 4 mila bambini, che si sono legati al territorio e alle famiglie”. Un’attività che porta avanti da tempo anche Anpas Bologna: “Siamo l’unica Regione in Italia a celebrare il Chernobyl day e questo ci deve rendere orgogliosi”, ha sottolineato Marina Balboni. Si tratta di una ricorrenza molto importante anche per Sergio Messori di Puer: “Si restituisce dignità alla parola ‘accoglienza’, che significa solidarietà e rispetto, valori che oggi sono troppo spesso visti con valenza negativa. Credo che tutte le Regioni dovrebbero istituire una giornata di questo tipo”. La collaborazione con le associazioni di Chernobyl ha visto anche nell’ottobre 2018 un momento istituzionale, quando una delegazione di consiglieri regionali (Barbara Lori e Matteo Rancan) si è recata in missione in Bielorussia per accompagnare le associazioni al fine di vedere sul campo l’impegno del nostro volontariato.

Post

14 Ottobre 2019

"Punti di luce" in mostra a Piacenza

Piacenza, Fiorenzuola d’Arda e Castel San Giovanni: un tris di esposizioni per “Punti di Luce. Essere una donna nella shoah”, la mostra realizzata dall’Assemblea legislativa regionale in collaborazione con lo Yad Vashem di Gerusalemme dedicata alle donne che morirono nei lager nazisti durante la II Guerra Mondiale.

14 Ottobre 2019

La Consulta fra le antiche istituzioni bolognesi in mostra in Assemblea legislativa

Le “Antiche Istituzioni bolognesi” in mostra in Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.