Post

10 Giugno 2019

Meridiana a Scola

"Grazie Presidente Saliera per il sostegno e il patrocinio per il restauro della Meridiana di Corte Bruni".

Le "genti di Scola" ringraziano le Istituzioni, e in particolare la Presidente del Parlamento regionale, per il sostegno e l'incitamento avuto per "salvare" un altro tassello del magico borgo di Grizzana Morandi. Alle ore 15 di domenica 16 giugno prossimo, a Scola, sull'Appennino bolognese, verrà inaugurata la meridiana di Corte Bruni completamente restaurata grazie al contributo di tanti cittadini, di Emil Banca e al patrocinio e al sostegno dell'Assemblea legislativa regionale e dell'Unione dei Comuni dell'Appennino bolognese e verrà scoperta una targa che ringrazia e "fissa" nella storia l'impegno di quanti, singoli e Istituzioni, in questi anni hanno sostenuto il lavoro volontario dei residenti di Scola nella grande opera di rinascita del plurisecolare borgo appollaiato sul crinale appenninico che unisce Bologna e Modena. La Meridiana di Corte Bruni si trova sull'edificio noto come "casa di Piron o dell'Architetto", è datata metà XVII secolo, ed è la seconda meridiana di Scola ad essere stata restaurata: nel 2017, grazie al fondamentale impegno della Fondazione Carisbo e in particolare del compianto Antonio Rubbi, fu restaurata anche l'altra importante meridiana di Scola, quella di Palazzo Parisi. Nel 2018, invece, l'operazione di rinascita di Scola, grazie alla collaborazione tra l'Assemblea legislativa e Ascom Bologna, ha portato al restauro di una importante pala situata nella chiesetta del Borgo, una rara Madonna con la cintura che dopo un meticoloso lavoro di ripulitura è tornata agli antichi splendori.

Post

17 Gennaio 2020

ArteFiera-ArtCity 2020 con le opere di Pompilio Mandelli

Grande successo per il taglio del nastro di "Dalla figurazione all'ultimo naturalismo", la personale di Pompilio Mandelli curata da Sandro Malossini e allestita nei locali dell'Assemblea legislativa regionale in occasione di ArteCity-ArteFiera. 

17 Gennaio 2020

Monumento Ogr, grazie ragazzi delle Scuole De Andrè

“Care ragazze e cari ragazzi, siete staffette di memorie. Grazie per il vostro lavoro che ci apre il cuore alla speranza per il futuro. L’opera d’arte che avete realizzato si inserisce appieno nel lavoro svolto in questi anni dall’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna per ricordare la tragedia dell’amianto alle ex Ogr e far sì che non capitino più orrori del genere”.