Post

5 Giugno 2019

Mestieri in Appennino

Per scaldarsi nei rigidi mesi invernali c’erano i bachet (i bacchetti). Quando la neve copriva i campi, i contadini passavano il tempo chi a intrecciare la melga (la saggina) per scope e spazzole, chi diventava al scranen, il seggiolaio. Tutti guardavano fuori dalle finestre ripensando al paier, il pagliaio, monumento contadino che fino alla prima neve aveva ornato i prati vicino a casa.

Sono immagini di vita quotidiana della nostra vita contadina. Scene che fino alla metà degli anni ’80 del XX secolo era facile vedere in tante località del nostro Appennino e che oggi rivivono in “A forza di braccia. Mestieri in Appennino”, mostra fotografica di Frediano Salomoni che sarà allestita nei locali dell’Assemblea legislativa regionale, in viale Aldo Moro, con inaugurazione il 10 giugno prossimo alle ore 18. “Le foto di Frediano Salomoni e i e le didascalie di Adriano Simoncini vogliono essere un atto di omaggio: fotografie che ricordano luoghi, mestieri, tradizioni di vita della parte più fragile del nostro territorio raccontano di un mondo scomparso e lontano, ma che invece nei suoi valori è tuttora vivo e attuale”, spiega Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa, che inaugurerà la mostra insieme a Salomoni e Simoncini. Realizzata grazie alla collaborazione del Parlamento regionale con il Gruppo di Studi Savena Setta Sambro e il Museo di Arti e Mestieri Pietro Lazzarini, “A forza di braccia. Mestieri in Appennino” sarà visitabile fino al 10 luglio prossimo dal lunedì al venerdì ore 9-18.

Post

5 Marzo 2021

Dimissioni Zingaretti e crisi Pd

"Le motivazioni delle dimissioni di Nicola Zingaretti da Segretario del Pd e il dibattito che ne è seguito dimostrano come il Partito Democratico sia contorto su se stesso negli opportunismi individuali che nulla hanno a che fare con la storia della sinistra italiana: c'è una totale sordità nei confronti sia di chi ancora ripone fiducia e speranza di futuro nella politica, sia per quell'immensità di popolo che è sempre più povero dal punto di vista economico e con sempre meno opportunità culturali.

26 Febbraio 2021

Cordoglio per la scomparsa di Bruno Pizzica

"Bruno Pizzica è stato un uomo e un sindacalista di grande umanità e impegno: da sempre in prima fila nella difesa dei lavoratori, nella costruzione di soluzioni avanzate e rispettose della dignità della persona quando si parlava di anziani e di welfare. La sua morte mi riempie di dolore: a sua moglie, ai suoi cari, alle compagne e ai compagni della Cgil, a tutti coloro che hanno lottato insieme a lui dedicando una vita ai diritti dei lavoratori e alla costruzione di una società più giusta, vanno le mie più sentite condoglianze".