Post

29 Aprile 2019

Buon Primo Maggio!

"La democrazia si basa sulla legalità e sul rispetto di regole come lo “Statuto dei lavoratori”. Per le nostre Istituzioni democratiche il lavoro è sempre stato accompagnato dalle parole emancipazione, dignità e libertà. Valori ora messi in discussione da politiche recessive e limitative di diritti fondamentali fra cui la mancata sicurezza sul lavoro che troppe morti sta ancora provocando".

Così Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, in una lettera inviata ai vertici nazionali, regionali e provinciali di Cgil, Cisl e Uil in vista delle celebrazioni della Festa del Primo Maggio. "Formulo i migliori auguri per la festa del Primo Maggio a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori emiliano-romagnoli, alle Confederazioni che, in tutte le città della nostra regione, daranno vita in modo unitario a iniziative e - spiega la Presidente Saliera - in particolare a quella di Bologna dove si terrà la manifestazione nazionale affinché ancora una volta tutti noi ricordiamo che, come recita la nostra Costituzione, l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro".

Post

18 Settembre 2020

I 70 anni di sacerdozio di Don Lorenzo Lorenzoni

Parrocchia di Montecalvo in festa con il Cardinale Matteo Maria Zuppi, per i 70 anni di ordinamento sacerdotale di Don Lorenzo Lorenzoni, il parroco 94 enne che oltre 10 anni ha letteralmente ricostruito la parrocchia alle porte di Bologna e che proprio da sette decenni è in "servizio permanente", prete dalla mattina alla sera sempre in attività.

24 Agosto 2020

Referendum 20-21 settembre 2020: le ragioni del NO

"L'Idea di Pianoro" REFERENDUM DI SETTEMBRE. Abbiamo chiesto un giudizio a Simonetta Saliera, già sindaco di Pianoro e presidente dell'Assemblea regionale: "Torniamo alla Costituzione. Il valore di una Costituzione e la sua efficacia li si misura nell'arco dei decenni. Da troppi anni la nostra Costituzione (che fu il frutto dell'incontro tra le culture democratiche laiche, cattoliche e marxiste, all'indomani dell'immane tragedia della Seconda Guerra Mondiale) è sotto attacco, tenuta come un foglio sospeso sul bordo di un cestino.