Post

1 Marzo 2019

Gli alberi di Carlo Mattioli in Assemblea legislativa

Gli alberi di Carlo Mattioli conquistano l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Venerdì prossimo, 8 marzo, alle ore 19 nei locali del Parlamento di viale Aldo Moro verrà inaugurata una personale del famoso artista emiliano-romagnolo. .

La mostra, realizzata in collaborazione con la Fondazione Carlo Mattioli, presenta un tema che ha reso famoso l'artista, “Gli alberi”, ma che il più delle volte non è stato considerato per l'importanza che ha avuto nella poetica di Mattioli. Nel piano ammezzato dell’Assemblea legislativa regionale verranno esposte una ventina di grandi tele che spaziano dal 1974al 1989 e che ben rappresentano la grande arte di un pittore schivo e solitario, di un’immensa carica poetica. Il soggetto è certamente riconoscibile e il più delle volte appare come unico elemento figurativo dell'opera, ma, come ha sottolineato Anna Zaniboni Mattioli: “l'albero solitario è diventato presto una declinazione della rappresentazione di sé, una sorta di autoritratto che il pittore ha tuffato nella notte più nera, nella gloria di un campo di papaveri, nell'intonaco incolore di un antico muro come fosse una sinopia medievale o nel nulla di una tela di juta, senza nemmeno la consolazione di un fondo.” La mostra si inserisce all’interno della valorizzazione del patrimonio artistico emiliano-romagnolo in cui in questi ultimi anni l’Assemblea legislativa presieduta da Simonetta Saliera si è fortemente impegnata. “la nostra Assemblea – spiega Saliera – è sempre di più un luogo istituzionale vivo e che vede sinergia tra le istituzioni e il mondo della cultura. Di questo siamo grati ai tanti artisti e loro famigliari che hanno accettato di fare un percorso insieme a noi”. La mostra sarà visitabile dall'8 marzo al 15 aprile 2019 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18.

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.