Post

28 Gennaio 2019

Casaglia 2018, un video per ricordare

La signora Cornelia Paselli che racconta la sua esperienza di sopravvissuta all'eccidio di Monte Sole, don Giuseppe Dossetti che confuta le folli teorie hitleriane su razza e guerra. La storia del cimitero di Casaglia diventa eterna in un docufilm.

Si chiama "Casaglia 2018", 15 minuti realizzati dall'Ente Parchi Emilia-Orientale in occasione della cerimonia per il restauro del campo santo prevista per sabato prossimo, 2 febbraio 2019, alla presenza della Presidente dell'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Simonetta Saliera, dell'ambasciatore di Germania in Italia Vicktor Elbling, del Sindaco di Marzabotto Romano Franchi e del Presidente dell'Ente Parchi Sandro Ceccoli. Un quarto d'ora di grande suggestione che inizia con le parole di don Dossetti e della sopravvissuta Cornelia Paselli: parole ferme, che si completano a vicenda, e suonano come un monito a non dimenticare per non rivivere l'orrore della violenza e della negazione della dignità umana. L'occhio del regista vola poi sui luoghi di Casaglia, il verde delle colline e la serenità del cielo, ai quali è affidato per l'eternità l'insegnamento che viene dal no alla barbarie umana. Nel finale un cippo, un monumento pieno di significato pur nella sua semplicità: quello che ricorda il sacrificio dei partigiani della Brigata Sella Rossa. A far da colonna sonora "Della fine del mondo", composta nel 1940 dal musicista Olivier Messiaen durante l'internamento nel campo nazista di Gorlitz, al confine tra Polonia e Germania. "Abbiamo voluto realizzare questo video perché dalla condanna degli orrori del passato nasca un'idea positiva di futuro, vogliamo riaffermare valori universali di dignità della persona", spiega Sandro Ceccoli. "Casaglia 2018" verrà proiettato sabato prossimo in occasione dell'incontro che si terrà a partire dalle ore 10 nei locali della Casa della Cultura e della Memoria di Marzabotto in viale Aldo Moro.

Post

26 Febbraio 2021

Cordoglio per la scomparsa di Bruno Pizzica

"Bruno Pizzica è stato un uomo e un sindacalista di grande umanità e impegno: da sempre in prima fila nella difesa dei lavoratori, nella costruzione di soluzioni avanzate e rispettose della dignità della persona quando si parlava di anziani e di welfare. La sua morte mi riempie di dolore: a sua moglie, ai suoi cari, alle compagne e ai compagni della Cgil, a tutti coloro che hanno lottato insieme a lui dedicando una vita ai diritti dei lavoratori e alla costruzione di una società più giusta, vanno le mie più sentite condoglianze".

8 Febbraio 2021

I quadri di Roffi per Don Lorenzoni e i cipressi di Montecalvo

La "Trilogia dei cipressi" dell'artista Giampaolo Roffi celebra gli alberi di Montecalvo e il loro salvataggio, realizzato grazie alla collaborazione tra cittadini, parrocchia e associazioni del territorio.