Post

24 Gennaio 2019

... e a Bologna

Un 2019 all’insegna dei “Viaggi della Memoria” per gli studenti delle scuole bolognesi.

Grazie al progetto finanziato dall’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna saranno oltre 700, infatti, i ragazzi e le ragazze di una decina di scuole petroniane che nei prossimi mesi visiteranno dal vivo i luoghi simbolo delle tragedie del lungo ‘900: dai campi di sterminio nazisti alle foibe titine, dalla dissoluzione della ex Jugoslavia al cuore della Germania con un focus sui 100 anni dal sacrificio di Rosa Luxemburg. “Chi dimentica il proprio passato è condannato a riviverlo, siamo molto felici che per il sesto anno consecutivo l’Assemblea legislativa possa dare il proprio contributo affinché gli studenti possano visitare luoghi fondamentali per la loro formazione”, spiega Simonetta Saliera, Presidente del Parlamento regionale. Scorrendo l’elenco dei “Viaggi della Memoria” si scopre che gli studenti delle Laura Bassi visiteranno gli ex campi di sterminio nazisti di Cracovia Auschwitz e Birkenau con un particolare attenzione a quella che fu la sorte delle donne deportate. “E’ il naturale completamento del lavoro svolto da questi ragazzi l’anno scorso quando – racconta Saliera –ricostruirono ciò che avvenne nella loro scuola dopo le leggi razziali del 1938, con particolare attenzione alle tante studentesse dell’epoca che vennero deportate nei lager”. All’insegna della visita ai più famigerati campi nazisti anche i “Viaggi della Memoria” degli studenti del Liceo Galvani, dell’Istituto Archimede di San Giovanni in Persiceto e quello organizzato da Deina-Associazione di promozione sociale. Grazie alla collaborazione con l’Anvgd-Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, sarà realizzato un viaggio nelle terre istriane, fiumane e dalmate in memoria di quanti subirono la violenza titina delle foibe. Dedicato alla tragedia della dissoluzione jugoslava e le conseguenti guerre balcaniche, invece, l’attività che interesserà gli studenti dell’Istituto comprensivo 8 di via Sant’Isaia, mentre i loro coetanei dell’Istituto numero 5 andranno a Strasburgo, nel cuore dell’Europa, e gli studenti del Liceo Rosa Luxemburg ripercorreranno, a cento anni esatti dall’esperienza della rivoluzione spartachista, le tracce della vita della rivoluzionaria tedesca a cui è intitolata la loro scuola. Completamente dedicato alla non meno importante formazione dei docenti l’attività realizzata in collaborazione tra l’Assemblea legislativa regionale e l’Istituto Parri, in rete con tutti gli istituti storici provinciali, che prevede una visita in Bosnia-Erzegovina per approfondire la vicenda balcanica.

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.