Post

13 Novembre 2018

Saluto al congresso regionale Spi-Cgil dell'Emilia-Romagna

Vincere la sfida della solitudine e dell’impoverimento dei salari e delle pensioni. E’ questo il succo del messaggio che Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, ha inviato allo Spi-Cgil, che tiene il proprio congresso regionale a Cervia.

“Anche in questi anni difficili, segnati dagli effetti di una crisi economica che ha colpito duramente la dignità e il diritto del lavoro, non dobbiamo mai dimenticare che il lavoro non è solo salario, ma prima di tutto rispetto della persona umana”, scrive Simonetta Saliera in una lettera inviata a Bruno Pizzica, segretario regionale dello Spi-Cgil Emilia-Romagna. “Il sindacato- sottolinea la presidente- è soggetto fondamentale per affermare, nella collaborazione con le Istituzioni, questo imprescindibile valore della nostra democrazia, mettendo al centro i valori costituzionali del lavoro e del riaffermarsi dei diritti individuali e collettivi. In questo contesto, un ruolo fondamentale lo ha lo Spi-Cgil, che da sempre si batte al fianco dei pensionati, ovvero di chi, dopo una vita di duro impegno lavorativo, ha diritto a una anzianità di serenità, di pace, di sicurezza per quanto riguarda il reddito pensionistico e di coesione sociale nonché all’accesso ai servizi di sanità e cura. L’attività del Sindacato, quindi, non si limita alla rivendicazione di benessere materiale, ma è connotata dall’impegno a contrastare la prima povertà della nostra società: la solitudine”.

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.