Post

27 Ottobre 2018

Buon compleanno Poliambulatorio Irnerio Biavati

“Da 40 anni il Poliambulatorio Biavati, promosso dalla Confraternita della Misericordia, opera per il bene comune e per alleviare le fatiche del vivere quotidiano della parte più debole della società: è un servizio di cui vi siamo tutti grati, perché rappresenta una certezza che apre il cuore alla speranza in una società sempre più egoista e in un mondo sempre più fragile e disgregato”.

Questo il messaggio inviato da Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa, a Marco Cevenini e Paolo Mengoli in occasione della cerimonia di festeggiamento per i 40 anni di attività del Poliambolatorio sociale Irnerio Biavati che, da quasi mezzo secolo, opera a Bologna. Una “riconoscenza” che è diventata anche una targa ricordo che la presidente del Parlamento regionale ha voluto regalare ai vertici del Biavati. “Vuole essere un umile ringraziamento a tutti coloro che in questi 40 anni si sono adoperati per donare una parte di sé agli altri scoprendosi così più ricchi e migliori”, spiega Saliera, che, in particolare, ringrazia “il direttore Marco Cevenini e Paolo Mengoli, gigante della solidarietà e dell’impegno sociale a Bologna, una persona il cui lavoro deve essere di esempio a tutti, perché alle parole ha sempre fatto seguire, con certosina quotidiana pazienza, i fatti”.

Post

8 Febbraio 2021

I quadri di Roffi per Don Lorenzoni e i cipressi di Montecalvo

La "Trilogia dei cipressi" dell'artista Giampaolo Roffi celebra gli alberi di Montecalvo e il loro salvataggio, realizzato grazie alla collaborazione tra cittadini, parrocchia e associazioni del territorio.

6 Gennaio 2021

Ricordo delle vittime dell'incidente ferroviario di Crevalcore

“Il ricordo di quanto avvenne a Crevalcore il 7 gennaio di 16 anni fa è motivo di dolore per tutti: i 17 morti, i feriti, lo strazio dei loro cari e dell’intera nostra comunità. Ma non bisogna dimenticare come il paese seppe reagire e affrontare con dignità e forza gli effetti del terribile disastro ferroviario”.