Post

25 Ottobre 2018

Quando i migranti eravamo noi

"Quando i migranti eravamo noi (emiliano-romagnoli)". Dal 1876 al 1973 oltre un milione di emiliano-romagnoli prese la via dell’esilio per sfuggire alla miseria e alle difficoltà economiche della propria patria.

Salparono verso le Americhe negli anni della prima grande industrializzazione di inzio '900, quando le macchine a vapore "scacciavano" braccianti e mondine dai nostri campi. Fuggirono all'estero negli anni della dittatura fascista, quando la libertà di parola lasciava il passo al manganello e all'olio di ricino. Trovarono lavoro nelle miniere del Belgio e nelle fonderie tedesche negli anni del secondo dopoguerra, quando il boom economico trasformava la società riducendo la richiesta di manodopera. Le storie di questi migranti rivivono in "Emigrare ieri, emigrare oggi", mostra fotografica realizzata dalla Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo-Assemblea legislativa regionale che verrà inaugurata domani alle 12.30 nei locali dell’Assemblea legislativa in viale Aldo Moro 50 a Bologna, e sarà visitabile fino all'8 novembre prossimo dal lunedì al venerdì.

Post

17 Giugno 2019

In Assemblea legislativa abbiamo celebrato il 75° anniversario della Repubblica di Montefiorino

“Ringrazio sentitamente la presidente del Parlamento regionale, Simonetta Saliera, per aver creduto nella realizzazione della mostra e per averla ospitata nella sede dell’Assemblea legislativa: tenere viva la memoria storica sia uno dei compiti fondamentali delle Istituzioni”. Con queste parole il sindaco di Montefiorino, Maurizio Paladini, ha inaugurato questa mattina “1944-2019. La Repubblica di Montefiorino. Un Distretto Partigiano”, la mostra fotografica allestita nei locali dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna per celebrare il 75° anniversario della Repubblica di Montefiorino.

12 Giugno 2019

La Repubblica di Montefiorino 75 anni dopo

Tappa fondamentale per la riconquista della libertà, uno tra i primi esempi di democrazia nell’Italia che combatteva per liberarsi dall’oppressione nazifascista.