Post

5 Ottobre 2018

La carica dei tutori volontari

Lungo la via Emilia ci sono 163 tutori volontari (76 già in servizio, 87 pronti a cominciare la nuova avventura post corsi di formazione) che aiutano i minori stranieri non accompagnati ad affrontare le difficoltà della vita quotidiana dando loro una speranza di futuro e di integrazione. E altre 200 persone hanno dato la loro disponibilità per questa attività a sostegno di bambine e bambini con cui la vita non è stata generosa. A fare il punto sull’attività dei tutori volontari coordinati dal Garante dal Garante regionale per l’infanzia, è stata la Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna Simonetta Saliera intervenendo questa mattina al 37° Convegno nazionale dell’Associazione Italiana Magistrati per minorenni e famiglia in corso a Bologna.

Nel suo saluto Saliera, ha ringraziato il Presidente del Tribunale dei Minori di Bologna Giuseppe Spadaro per il suo lavoro e la collaborazione e ha ricordato l’impegno del Parlamento regionale al fianco dei ragazzi soli. “Nel delicato settore della migrazione minorile problemi e complessità rappresentano una nuova sfida e – sottolinea Saliera – non ci devono spaventare, ma essere un momento di rafforzamento del nostro impegno comune a tutela tanto dei ragazzi soli, quanto della serenità delle nostre comunità. Non si può fingere che il problema non esista, né si può pensare di risolverlo solo come un fenomeno di ordine pubblico invocando pene e restrizioni delle libertà individuali, questo diverrebbe il modo migliore perché un problema risolvibile si trasformi in un’emergenza con tutto quello che ne consegue per i minori in termini di perdita di diritti e di possibilità di una vita serena e giusta e di un inserimento sociale vantaggioso per tutti”. Parole chiare che la Presidente fa discendere direttamente dalla nostra Carta costituzionale: “La nostra Costituzione – ricorda Saliera – riconosce diritti fondamentali alle persone e con l’attività dei tutori volontari vogliamo rafforzare questa prescrizione della nostra Carta fondamentale”.

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.