Post

20 Settembre 2018

Università di Bologna e Assemblea legislativa insieme per la formazione dei giovani cittadini

Università di Bologna e Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna insieme per favorire la formazione nei giovani dei valori di cittadinanza e democrazia.

Fino al 25 settembre prossimo ci si può iscrivere a "La promozione della cittadinanza attiva negli adolescenti: metodologie e strumenti", nuovo corso di alta formazione promosso dall'Alma Mater che ambisce a trasmettere gli insegnamenti emersi nell'ambito del progetto "CATCH-EyoU", finanziato tramite il programma di finanziamento europeo Horizon2020. "Il corso è il lascito di un progetto europeo al quale ha partecipato come partner locale l’Assemblea legislativa con Europe Direct, il suo servizio dedicato alla promozione della cittadinanza europea, collaborando alla raccolta dei dati, sostentando l’Ateneo nel rapporto con il mondo scolastico e organizzando l’evento italiano conclusivo del progetto CATCH-EyoU lo scorso 9 maggio proprio nella sede del Parlamento regionale", spiega Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna. Il Centro Europe Direct dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna continua a collaborare con l’Università in questo corso di formazione rivolto a docenti ed educatori, la cui iscrizione scade appunto il prossimo 25 settembre. Per iscriversi https://www.unibo.it/it/didattica/corsi-di-alta-formazione/2018-2019/la-promozione-della-cittadinanza-attiva-negli-adolescenti-metodologie-e-strumenti-5577

Post

8 Febbraio 2021

I quadri di Roffi per Don Lorenzoni e i cipressi di Montecalvo

La "Trilogia dei cipressi" dell'artista Giampaolo Roffi celebra gli alberi di Montecalvo e il loro salvataggio, realizzato grazie alla collaborazione tra cittadini, parrocchia e associazioni del territorio.

6 Gennaio 2021

Ricordo delle vittime dell'incidente ferroviario di Crevalcore

“Il ricordo di quanto avvenne a Crevalcore il 7 gennaio di 16 anni fa è motivo di dolore per tutti: i 17 morti, i feriti, lo strazio dei loro cari e dell’intera nostra comunità. Ma non bisogna dimenticare come il paese seppe reagire e affrontare con dignità e forza gli effetti del terribile disastro ferroviario”.