Post

5 Settembre 2018

Uccellacci&Uccellini. Da Darwin a Pasolini

Un po' bestiario magico medioevale, un po' denuncia "pasoliana" dell'imbarbarimento della modernità industrializzata.

Curata da Silvia Bonomini, "Uccellacci&uccellini. Da Darwin a Pasolini" è la personale di Alice Zanin, artista emergente, che sarà esposta nei locali dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna dal 14 settembre al 14 ottobre pv in viale Aldo Moro, 50 a Bologna. "Nel solco del lavoro di questi anni, come Parlamento regionale, abbiamo voluto essere al fianco di una giovane artista e di una raffinata curatrice che sanno trasformare l'arte in afflato sociale oltre che in grazie delle forme e dei colori", spiega Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea di viale Aldo Moro. La "vernice" con annesso taglio del nastro di "Uccellacci&Uccellini. Da Darwin a Pasolini" è prevista per le ore 12 del 13 settembre pv in viale Aldo Moro a Bologna. Uccelli color aragosta dal collo allungato, volatili con curiosi becchi uncinati dai riflessi violacei, graziose cicogne azzurre e curiosi pinguini dai colori sgargianti si accompagnano a fenicotteri rosa e cavallucci marini dagli spigoli prorompenti: le realizzazioni di Alice Zanin raccontano di come gli uomini abbiamo unito realtà e mito nella creazione di icone plastiche. Fino all'impegno sociale e di analisi della nostra modernità fatta da Pier Paolo Pasolini, intellettuale e regista bolognese di nascita, nel dialogo tra Totò e Ninetto Davoli del film "Uccellacci uccellini". E non è un caso che la curatrice della mostra di Zanin, la piacentina Silvia Bonomini, accompagna l'allestimento bolognese con immagini del film pasoliniano del 1966, ultima apparizione cinematografica del principe de Curtis.

Post

22 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Don Luciano

“La scomparsa di Don Luciano, già parroco di Pianoro Vecchia e Livergnano, è motivo di dolore e di forte dispiacere. Ai suoi famigliari, alla Chiesa di Bologna e a tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato il suo impegno di sacerdote vanno le mie più sentite condoglianze. Ci conoscevamo bene, amava ed era un gran conoscitore di musica in particolare d'organo e aveva una innata curiosità di conoscere il mondo in profondità tanto da studiare diverse lingue come il russo proprio per capire a fondo le persone, la loro vita e le loro profondità. Le nostre zuppette alle 23 di sera erano farcite di musica, pittura antica e racconti di vite nei diversi mondi”.

12 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Sante Tura

"Scienziato di grande livello, medico di stimato valore. Con Sante Tura scompare uno dei bolognesi più illustri, capace di essere appassionato pioniere nel campo della ricerca".