Post

31 Agosto 2018

Col Fai al fianco delle Terme di Porretta

Al taglio del nastro de "Suggestioni termali in fotografia", la mostra fotografica dedicata appunto alle terme e alle sue sorgenti, realizzata da Stefano Vannini, curatore delle sorgenti termali.

Sedici foto di quattro fotografi da tempo appassionati al tema (Celia Miraval, Anna Paola Rosaspina, Fabrizio Carollo e Stefano Semenzato) raccontano della storia e del futuro delle Terme di Porretta. "Qui sono passati Lorenzo Il Magnifico e Andrea Mantegna, delle Terme di Porretta parla Macchiavelli nella Mandragola: è un gioiello del nostro Appennino a cui dobbiamo essere vicini", spiega Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, che ha inaugurato la mostra insieme a Vannini, al sindaco di Alto Reno Terme Giuseppe Nanni, ai fotografi e ai consiglieri regionali Igor Taruffi e Michele Facci. A fare gli onori di casa Alessandra Sartini, amministratore unico della società TEMA che gestisce le terme. La mostra è visitabile fino a metà settembre e poi diventerà allestimento permanente all'interno dello stabilimento termale.

Post

17 Giugno 2019

In Assemblea legislativa abbiamo celebrato il 75° anniversario della Repubblica di Montefiorino

“Ringrazio sentitamente la presidente del Parlamento regionale, Simonetta Saliera, per aver creduto nella realizzazione della mostra e per averla ospitata nella sede dell’Assemblea legislativa: tenere viva la memoria storica sia uno dei compiti fondamentali delle Istituzioni”. Con queste parole il sindaco di Montefiorino, Maurizio Paladini, ha inaugurato questa mattina “1944-2019. La Repubblica di Montefiorino. Un Distretto Partigiano”, la mostra fotografica allestita nei locali dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna per celebrare il 75° anniversario della Repubblica di Montefiorino.

12 Giugno 2019

La Repubblica di Montefiorino 75 anni dopo

Tappa fondamentale per la riconquista della libertà, uno tra i primi esempi di democrazia nell’Italia che combatteva per liberarsi dall’oppressione nazifascista.