Post

22 Agosto 2018

Le terme di Porretta di raccontano in un click fotografico

Cunicoli, acque sulfuree, vasche. Duemila anni di storia delle Terme di Porretta si raccontano negli scatti di Celia Miraval, Anna Paola Rosaspina, Fabrizio Carollo e Stefano Semenzato.

Giovedì prossimo 30 agosto, alle ore 11, nei locali dello stabilimento termale di Porretta, in via Roma 5 a Alto Reno Terme, Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, e Giuseppe Nanni, Sindaco del Comune di Alto Reno, inaugureranno la “Suggestioni termali in fotografia”, mostra fotografica che racconta la storia ultramillenaria delle Terme di Porretta attraverso gli scatti di quattro fotografi di varia estrazione, diversi per esperienza ed età, che visitando le sorgenti termali porrettane hanno fissato con il loro obiettivo le suggestioni da loro incontrate nel percorrere i cunicoli e gli ampi spazi dello stabilimento termale. "E' una grande emozione inaugurare una mostra che racconta di una parte così importante della nostra storia, della vicenda umana del nostro territorio", spiega Saliera che ringrazia gli organizzatori e gli autori per la sensibilità e l'impegno.

Post

22 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Don Luciano

“La scomparsa di Don Luciano, già parroco di Pianoro Vecchia e Livergnano, è motivo di dolore e di forte dispiacere. Ai suoi famigliari, alla Chiesa di Bologna e a tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato il suo impegno di sacerdote vanno le mie più sentite condoglianze. Ci conoscevamo bene, amava ed era un gran conoscitore di musica in particolare d'organo e aveva una innata curiosità di conoscere il mondo in profondità tanto da studiare diverse lingue come il russo proprio per capire a fondo le persone, la loro vita e le loro profondità. Le nostre zuppette alle 23 di sera erano farcite di musica, pittura antica e racconti di vite nei diversi mondi”.

12 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Sante Tura

"Scienziato di grande livello, medico di stimato valore. Con Sante Tura scompare uno dei bolognesi più illustri, capace di essere appassionato pioniere nel campo della ricerca".