Post

2 Agosto 2018

Cantiere 2 agosto protagonista delle celebrazioni del 38° anniversario della strage di Bologna

Cantiere 2 agosto protagonista delle celebrazioni del 38° anniversario della strage alla Stazione di Bologna.

Il gruppo di narratori popolari coordinati dall'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, dal regista Matteo Belli e dalla storica Cinzia Venturoli è stato al centro delle cerimonie odierne durante le quali ha fatto rivivere le vite delle 85 vittime della strage. Un nutrito numero dei narratori, accompagnati dalla Presidente del Parlamento regionale Simonetta Saliera, hanno sfilato durante il corteo con un manifesto che chiedeva verità e giustizia ricordando come "ogni amnesia è una sommaria amnistia" e scandendo i nomi delle vittime. Stesso striscione e stessi nomi anche durante la cerimonia in Piazza Medaglie d'Oro proprio a ridosso dei tre fischi del locomotore ferroviario che, come da tradizione, annunciano lo scoccare delle 10,25, l'ora in cui avvenne l'attentato nel 1980 e durante il quale si osserva un minuto di silenzio. Gran finale nell'aiuola di fronte alla stazione dove è stata inaugurata da Saliera il monumento in metallo realizzato da Salvatore Fais, ex operaio Ogr e "narratore popolare", per chiedere verità e giustizia sulla strage.

Post

18 Marzo 2019

Il ricordo di Marco Biagi

“Ricordare la figura, il pensiero e l’opera di Marco Biagi è un dovere civile per tutte le Istituzioni. Il suo barbaro omicidio ferisce ancora tutta Bologna, la nostra regione e il Paese e interroga le nostre coscienze. Il dolore per la sua morte non trova pace perché è stata assassinata una persona e inferto un colpo ai valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto che sono alla base del nostro vivere comune e della coesione della nostra città”.

16 Marzo 2019

Al via i lavori per il Museo Presidio Ogr in Assemblea legislativa

La storia dell'Officina Grandi Riparazioni trova casa nell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Procedono infatti speditamente i lavori per realizzare il nuovo spazio espositivo dedicato alla storia dell’OGR di Bologna (oggi Officina Manutenzione Corrente) che dal luglio scorso ha lasciato la storica sede di Via Casarini per trasferirsi in via del Lazzaretto.