Post

17 Luglio 2018

A Grizzana sabato si inaugura la mostra "A misura d'uomo" di Ivano Adversi

Chiapporato, Qualto, Scola. La magia dei borghi dell'Appenino bolognese si racconta attraverso le foto di Ivano Adversi, noto fotografo bolognese attento conoscitore del nostro territorio.

Sabato prossimo alle ore 18 ai Fienili del Campiaro a Grizzana Morandi, verrà inaugurata "A memoria d'uomo. Borghi dell'Appennino tra vita e abbandono", mostra fotografica che attraverso gli "scatti" di Adversi narra tre dei più bei borghi della nostra montagna, dell'equilibrio raggiunto tra l'uomo e la natura, dello scorrere del tempo e di come piccole case di sasso racchiudano in se' storie quasi millenarie. "Realizzata grazie alla collaborazione tra il Parlamento di viale Aldo Moro e l'Unione dei Comuni dell'Appennino bolognese, "A memoria d'uomo" è un tributo alle donne e agli uomini che fanno vivere la nostra montagna e che la curano", spiega Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, che ricorda come "amare la montagna significa farla vivere e raccontarla". Al taglio del nastro della mostra, oltre a Saliera ed a Adversi, saranno presenti i sindaci di Grizzana Morandi Graziella Leoni e San Benedetto Val di Sambro Alessandro Santoni e Marco Tamarri, Responsabile turismo e cultura dell'Unione dei Comuni dell'Appennino bolognese.

Post

18 Marzo 2019

Il ricordo di Marco Biagi

“Ricordare la figura, il pensiero e l’opera di Marco Biagi è un dovere civile per tutte le Istituzioni. Il suo barbaro omicidio ferisce ancora tutta Bologna, la nostra regione e il Paese e interroga le nostre coscienze. Il dolore per la sua morte non trova pace perché è stata assassinata una persona e inferto un colpo ai valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto che sono alla base del nostro vivere comune e della coesione della nostra città”.

16 Marzo 2019

Al via i lavori per il Museo Presidio Ogr in Assemblea legislativa

La storia dell'Officina Grandi Riparazioni trova casa nell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Procedono infatti speditamente i lavori per realizzare il nuovo spazio espositivo dedicato alla storia dell’OGR di Bologna (oggi Officina Manutenzione Corrente) che dal luglio scorso ha lasciato la storica sede di Via Casarini per trasferirsi in via del Lazzaretto.