Post

3 Luglio 2018

Assemblea legislativa regionale in campo per la Tecno di Gualtieri

Aprire un tavolo nazionale per la salvaguardia dei posti di lavoro per i dipendenti della Tecno di Gualtieri (Reggio Emilia) coinvolgendo il governo, i parlamentari di tutte le forze politiche eletti in Emilia-Romagna e i sindacati, anche per quanto riguarda la proroga degli ammortizzatori sociali.

Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna in campo per la storica azienda reggiana, da tempo al centro di una grave crisi industriale con 300 lavoratori in contratto di solidarietà. Simonetta Saliera, presidente del Parlamento di viale Aldo Moro, ha scritto al vicepremier e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio, a tutti i senatori e i deputati emiliano-romagnoli e ai vertici sindacali chiedendo un impegno nazionale per la Tecno con precisa attenzione alla salvaguardia di tutti i posti di lavoro. L’iniziativa della presidente è nel solco di quella assunta nei giorni scorsi in commissione Politiche economiche dell’Assemblea, dove è stata approvata all’unanimità una risoluzione presentata dai consiglieri Pd (Roberta Mori, Stefano Caliandro, Manuela Rontini, Ottavia Soncini, Fabrizio Benati e Antonio Mumolo), Silvia Prodi (misto-Mdp) e Yuri Torri (Sinistra italiana), che invitava l’Assemblea regionale a coinvolgere governo e parlamento nazionali sul tema Tecno.

Post

18 Novembre 2019

Il professor Mattei dona la sua "Matilde di Canossa" all'Assemblea legislativa

“La Presidente Simonetta Saliera ha recuperato il legame tra Istituzione e arte: facendo un’attività estetica ha in realtà fatto un’attività etica visto che attraverso arte e cultura ha dato un cuore che batte a un contenitore burocratico e amministrativo come tutti noi pensavamo che fosse la Regione prima di visitare l’Assemblea e le opere in essa esposte”. 

12 Novembre 2019

Un urlo contro il razzismo

“Contro” la cultura dell’odio “iniettato” a piccole dosi, “con piccole siringhe, quasi per non farcene accorgere, quasi per farcelo sembrare giusto” come successo pochi anni fa nell’ex Jugoslavia.