Post

12 Aprile 2018

Messaggio di saluto all'Associazione Ciechi di Guerra in occasione della loro Assemblea regionale

"Oggi, in una società segnata da problemi e da paure, il vostro coraggio, il vostro senso civico e l’impegno pubblico che avete sempre profuso in questi anni, rappresentano un valore da prendere a modello per le nuove generazioni.

Coltivare la cultura della memoria, ricordarsi da quali tragedie nasce la nostra democrazia è un modo per onorare chi, come voi, l’ha costruita e per vaccinarsi dal ripetersi di violenze e revanscismi che rischiano di mettere a rischio la democrazia stessa. Nel ringraziarVi per il vostro impegno civile e politico, Vi formulo i migliori auguri di buon lavoro per la Vostra Assemblea regionale nella certezza che ci saranno occasioni di reciproca collaborazione". Così Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, si rivolge, in un messaggio istituzionale, all'Associazione dei Ciechi di Guerra dell'Emilia-Romagna, che, domenica prossima terranno la loro Assemblea regionale nei locali del Circolo Ufficiali in via Marsala a Bologna. Nella lettera di saluto inviata al Presidente dell'Associazione Alfonso Stefanelli, la Presidente Saliera ha parole di elogio per Stefanelli e l'Associazione: "Nelle occasioni in cui abbiamo avuto modo di incontrarci e di partecipare a eventi insieme, ho potuto apprezzare - scrive Saliera - il lavoro Suo e della Sua associazione: una realtà che tiene alto il valore del sacrificio di chi, spesso contro la propria volontà, si trovò gettato nell’atrocità delle guerre. E ne pagò, vittima innocente, in prima persona i prezzi maggiori in termini di sofferenze e di ripercussioni permanenti".

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.