Post

1 Marzo 2018

Contessa Viganò per la Festa della Donna dell'8 marzo

Renata Viganò testimonial dell’8 marzo 2018. In occasione della Festa della Donna l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna ospiterà una mostra artistica dedicata alla partigiana e scrittrice bolognese.

Il taglio del nastro è previsto il 6 marzo prossimo alle ore 11 nei locali di viale Aldo Moro, 50 alla presenza della Presidente dell’Assemblea legislativa Simonetta Saliera e delle autrici, un gruppo di studentesse ventenni che in questi mesi hanno “riletto” e trasformato in pannelli grafici “La bambola brutta”, uno dei libri più famosi di Renata Viganò. “Quest’anno la Costituzione italiana compie 70 anni: e ci è sembrato giusto ricordare la Festa della Donna grazie a delle giovani studentesse che raccontano per immagini una fra le donne della nostra città che più furono impegnate tanto nella lotta di Liberazione, quanto nell’attività culturale e divulgativa del secondo dopoguerra”, spiega Saliera che ricorda come per le Istituzioni sia un dovere celebrare l’8 marzo come ricordo della strada lunga e difficile che ha portato alla conquista dei diritti delle donne e come monito per ricordare quanto ci sia ancora tanto da fare perché quei diritti non vengano scippati e se ne aggiungano di nuovi. A dare nuova voce alle opere della Viganò sono state Dafne Carletti, Sofia Fiore, Margherita Occhilupo, Marta Selleri, Elena Sofia Tarozzi, ventenni studentesse dell’Alma Mater, per l’occasione autodenominate “Brigata Viganò”, che sono state coordinate da Tiziana Roversi e hanno operato con il consiglio scientifico di Antonio Faeti, il patrocinio dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna, del Comune di Bologna e di Bologna Children’s Bookfair, e il fondamentale contributo di ANPI, ARCI, CGIL, Fondazione Altobelli, UNIPOL e la collaborazione di tanti amici e volontari.

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.