Post

23 Gennaio 2018

Giornata della Memoria 2018, no all'indifferenza

Cosa è la Shoah?

Cosa hanno rappresentato nella storia italiana le Leggi razziali volute dal fascismo e promulgate dal Re d’Italia Vittorio Emanuele III nel 1938? Cosa sanno i ragazzi di oggi di queste due drammatiche pagine della storia mondiale? Per provare a dare risposta a questi e altri interrogativi, a 80 anni dalle leggi razziali e in occasione della Giornata della Memoria 2018 l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna ospita la mostra “Il rumore del vuoto”. Si tratta di una mostra fotografica realizzata dagli studenti del Liceo Laura Bassi sotto la direzione delle professoresse Luchita Quario e Maria Giovanna Bertani all’interno del progetto conCittadini dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Il taglio del nastro è avvenuto questa mattina nella sede del Parlamento di viale Aldo Moro alla presenza di oltre duecento studenti e diverse autorità: la Presidente dell’Assemblea legislativa e padrona di casa Simonetta Saliera, la vicesindaco di Bologna Marilena Pillati, monsignor Stefano Ottani in rappresentanza della Curia di Bologna, Alberto Sermoneta, Rabbino capo di Bologna, e Luca Alessandrini, Direttore dell'Istituto Storico Parri di Bologna. “I 12 pannelli della mostra raccontano una delle pagine peggiori della nostra storia: quella delle persecuzioni razziali. Abbiamo deciso di farlo con il volto di Lucia, ragazza espulsa da scuola e poi morta nei lager a 28 anni, dei professori licenziati perché di religione ebraica, delle sorelle Senigallia cacciate da scuola o di Susanna e Franca che a scuola poterono rimanere perché di madre cattolica”, spiega Saliera che sottolinea come “Oggi come ieri, è importante ricordare e fare memoria, specialmente per le giovani generazioni ormai orfane di testimoni diretti di quella tragedia che ha insanguinato il mondo. Consapevoli del pericolo che l’umanità potrebbe correre se prevalesse di nuovo l’indifferenza e non si ricordasse il testamento dei 100.000 giovani morti nelle battaglie partigiane, dei tanti impiccati, dei tanti deportati nei campi di concentramento come disse Piero Calamandrei, a Milano nel 1955, rivolgendosi agli studenti con il suo “Discorso sulla Costituzione”. Dal canto suo il Rabbino Sermoneta ha ricordato come "dobbiamo combattere il razzismo e le discriminazioni e per fare questo estirpare quel male che si chiama indifferenza: se nel 1938 gli italiani non fossero stati indifferenti si sarebbero potuti liberare alle leggi razziali". Concetti analoghi a quelli espressi da Monsignor Ottani che ha esordito il suo intervento ringraziando l'Assemblea legislativa regionale e la Presidente Saliera per il loro lavoro: "Quello che abbiamo fatto qui è - spiega il sacerdote - motivo di speranza per il futuro: dobbiamo batterci contro ogni forma di discriminazione". Di "mostra straordinaria" ha invece parlato Alessandrini. "La memoria - sottolinea - non è una scatola vuota: è, come dimostra questa mostra, frutto di lavoro quotidiano, di passione, di impegno. Ricordiamoci sempre che quando ci sono segnali di antisemitismo è perché la democrazia è in crisi e quando la democrazia è in crisi c'è antisemitismo. All'inizio i fascismi sono normalità e rassicurazione, solo dopo svelano il loro volto violento". Parole di complimenti di buon lavoro sono state espresse dalla vicesindaco di Bologna Pillati che ha elogiato l'impegno degli studenti.

Post

18 Agosto 2018

Cordoglio per la morte di Claudio Lolli

"Claudio Lolli ha rappresentato una generazione di impegno e di passione politica, di attenzione agli aspetti spesso ignorati della società.

16 Agosto 2018

Stop alle bufale, stop al razzismo

Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna e Scuola di Pace di Monte Sole in campo contro le fake news. Dopo “Attenti alle bufale”, il convegno realizzato nella sede del Parlamento di viale Aldo Moro lo scorso 11 maggio, il progetto #EU2BE continua con la Summer School “Le solite voci incontrollate. Storia, memoria, identità e cittadinanza” che si terrà dal 20 al 26 agosto a Monte Sole, sull’Appennino bolognese.