Post

21 Gennaio 2018

Giornata della Memoria, domani taglio del nastro della mostra in Regione

Dodici pannelli che raccontano l'orrore delle leggi razziali e della Shoah.

In vista della Giornata della Memoria 2018 l'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna ospita la mostra "Il rumore del vuoto” realizzata dagli studenti del Liceo Laura Bassi sotto la direzione delle professoresse Luchita Quario e Maria Giovanna Bertani all’interno del progetto conCittadini dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Il taglio del nastro è previsto per domani alle ore 12,30 in viale Aldo Moro alla presenza, tra gli altri, della Presidente dell'Assemblea Simonetta Saliera, delle insegnanti e degli studenti delle Laura Bassi, di Daniele De Paz, Presidente della Comunità ebraica di Bologna, e di Alberto Sermoneta, Rabbino capo del capoluogo emiliano, e di Luca Alessandrini, Direttore dell'Istituto Parri. “I 12 pannelli della mostra raccontano una delle pagine peggiori della nostra storia: quella delle persecuzioni razziali. Abbiamo deciso di farlo con il volto di Lucia, ragazza espulsa da scuola e poi morta nei lager a 28 anni, dei professori licenziati perché di religione ebraica, delle sorelle Senigallia cacciate da scuola o di Susanna e Franca che a scuola poterono rimanere perché di madre cattolica”, spiega Saliera che sottolinea come “Oggi come ieri, è importante ricordare e fare memoria, specialmente per le giovani generazioni ormai orfane di testimoni diretti di quella tragedia che ha insanguinato il mondo. Consapevoli del pericolo che l’umanità potrebbe correre se prevalesse di nuovo l’indifferenza e non si ricordasse il testamento dei 100.000 giovani morti nelle battaglie partigiane, dei tanti impiccati, dei tanti deportati nei campi di concentramento come disse Piero Calamandrei, a Milano nel 1955, rivolgendosi agli studenti con il suo “Discorso sulla Costituzione”.

Post

22 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Don Luciano

“La scomparsa di Don Luciano, già parroco di Pianoro Vecchia e Livergnano, è motivo di dolore e di forte dispiacere. Ai suoi famigliari, alla Chiesa di Bologna e a tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato il suo impegno di sacerdote vanno le mie più sentite condoglianze. Ci conoscevamo bene, amava ed era un gran conoscitore di musica in particolare d'organo e aveva una innata curiosità di conoscere il mondo in profondità tanto da studiare diverse lingue come il russo proprio per capire a fondo le persone, la loro vita e le loro profondità. Le nostre zuppette alle 23 di sera erano farcite di musica, pittura antica e racconti di vite nei diversi mondi”.

12 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Sante Tura

"Scienziato di grande livello, medico di stimato valore. Con Sante Tura scompare uno dei bolognesi più illustri, capace di essere appassionato pioniere nel campo della ricerca".