Post

21 Gennaio 2018

Giornata della Memoria, domani taglio del nastro della mostra in Regione

Dodici pannelli che raccontano l'orrore delle leggi razziali e della Shoah.

In vista della Giornata della Memoria 2018 l'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna ospita la mostra "Il rumore del vuoto” realizzata dagli studenti del Liceo Laura Bassi sotto la direzione delle professoresse Luchita Quario e Maria Giovanna Bertani all’interno del progetto conCittadini dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Il taglio del nastro è previsto per domani alle ore 12,30 in viale Aldo Moro alla presenza, tra gli altri, della Presidente dell'Assemblea Simonetta Saliera, delle insegnanti e degli studenti delle Laura Bassi, di Daniele De Paz, Presidente della Comunità ebraica di Bologna, e di Alberto Sermoneta, Rabbino capo del capoluogo emiliano, e di Luca Alessandrini, Direttore dell'Istituto Parri. “I 12 pannelli della mostra raccontano una delle pagine peggiori della nostra storia: quella delle persecuzioni razziali. Abbiamo deciso di farlo con il volto di Lucia, ragazza espulsa da scuola e poi morta nei lager a 28 anni, dei professori licenziati perché di religione ebraica, delle sorelle Senigallia cacciate da scuola o di Susanna e Franca che a scuola poterono rimanere perché di madre cattolica”, spiega Saliera che sottolinea come “Oggi come ieri, è importante ricordare e fare memoria, specialmente per le giovani generazioni ormai orfane di testimoni diretti di quella tragedia che ha insanguinato il mondo. Consapevoli del pericolo che l’umanità potrebbe correre se prevalesse di nuovo l’indifferenza e non si ricordasse il testamento dei 100.000 giovani morti nelle battaglie partigiane, dei tanti impiccati, dei tanti deportati nei campi di concentramento come disse Piero Calamandrei, a Milano nel 1955, rivolgendosi agli studenti con il suo “Discorso sulla Costituzione”.

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.