Post

6 Gennaio 2018

In ricordo delle vittime del disastro ferroviario di Crevalcore

"Dopo 13 anni è ancora vivo il dolore per le 17 vittime del disastro ferroviario di Crevalcore, il 7 gennaio 2005, un ricordo che è motivo di dolore per tutti noi: i 17 morti, i feriti, lo strazio dei loro cari e dell’intera nostra comunità.

Le tante risposte che stiamo ancora aspettando e il ricordo di come la comunità di Crevalcore seppe reagire e affrontare con dignità e forza gli effetti del terribile disastro ferroviario. Oggi ricordiamo tutto questo, perché la memoria delle tragedie che colpiscono le nostre comunità è un modo per onorare i morti e per vaccinarsi per il futuro perché esse non accadano più". Così Simonetta Saliera in occasione della commemorazione delle vittime del disastro ferroviario di Crevalcore, in provincia di Bologna. Saliera ha parole di stima e apprezzamento per quanto intervennero sul posto dopo il deragliamento per dare soccorso alle vittime. "In tutti noi è ancora vivo l’impegno dei soccorritori, in primo luogo dei Vigili del Fuoco e dei ferrovieri, e di tutta una comunità che seppe aiutare chi aveva perso i suoi cari. Queste giornate ci ricordano come – sottolinea Saliera – dobbiamo porre grande attenzione ai temi della sicurezza sul lavoro e sui mezzi di trasporto per garantire serenità all’altezza dei diritti e delle aspettative dei cittadini”.

Post

24 Aprile 2019

Condanna per lo sfregio alla lapide della Bolognina

"Condanniamo nel modo più risoluto e senza appello l'ennesimo grave sfregio ai simboli della lotta di Liberazione e della Resistenza. A Bologna violenze di questo tipo non possono avere né spazi, né tolleranza.

24 Aprile 2019

Buon 25 aprile!

"Se agli italiani fu risparmiata la dissoluzione territoriale del Paese, come in Germania, se fu risparmiato un governo militare straniero come in Giappone, se si poté evitare una lunga guerra civile come in Grecia, se si poté scegliere liberamente con un referendum se essere monarchia o repubblica, e, da subito, votare per partiti diversi, è perché nella lotta partigiana l'Italia si riscattò.