Post

19 Dicembre 2017

Vittorio Emanuele III e le leggi razziali, non dimenticare

“Il reato della controfirma delle leggi razziali è di quelli che non vanno in prescrizione: il vostro dolore, la vostra rabbia è quella di tutta la nostra comunità.

Non possiamo dimenticare che, tra le tante nefandezze che caratterizzarono i suoi 46 anni di regno, Vittorio Emanuele III scelse di legare il proprio nome all’infamia delle Leggi Razziali del 1938 che l’allora Re firmò senza tentennamenti e senza obiezioni”. Così Simonetta Saliera in una lettera inviata oggi a Daniele De Paz, Presidente della Comunità ebraica di Bologna, in merito a quanto avvenuto ieri, con il rientro delle spoglie di Vittorio Emanuele III. Per Saliera si tratta di “una notizia che ferisce e addolora tutti noi. Le leggi Razziali furono la pagina più nefasta della Storia patria per le tragiche conseguenze che quel provvedimento portò in quella parte della popolazione italiana di religione ebraica. Le democrazie – si legge nella missiva inviata a De Paz – non devono aver paura dei fantasmi, ma chi dimentica il passato è condannato a riviverne le pagine peggiori”.

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.