Post

9 Ottobre 2017

La Rai assicuri l'accesso ai suoi canali tv anche in montagna

Tutti i cittadini hanno diritto di vedere i canali della Rai Tv: stop, dunque, a discriminazioni tra chi abita nei Comuni dell’Appenino bolognese e quelli che vivono in pianura.

Forte di una recente presa di posizione del Governo, Simonetta Saliera ha ritornato a scrivere alla Rai per chiedere interventi perché su tutto il territorio sia possibile sintonizzarsi senza problemi di ricezione ai canali della Tv di Stato. “Raccogliendo le preoccupazioni espresse da sindaci e residenti dell’Appennino emiliano-romagnolo, mi permetto di tornare a sottoporre alla Rai Tv tv di Stato italiana, l’annoso problema delle tante zone dell’Appennino in cui, nonostante i residenti paghino regolarmente il canone, il segnale della Rai non è visibile o difficilmente percepibile”, ha scritto Saliera in una lettera inviata al Direttore generale della Rai Mario Orfeo, ricordando come “il persistere dell’attuale situazione è una palese ingiustizia e violazione dell’uguaglianze di tutti i cittadini della Repubblica”. Già nel febbraio 2016, raccogliendo una sollecitazione in tal senso pervenuta dall’Unione dell’Appennino bolognese, Saliera aveva interessato i vertici di viale Mazzini, ricevendone una risposta giudicata insoddisfacente perché, sostenevano gli allora vertici della Tv pubblica, nelle zone montane i cittadini dovevano, in buona sostanza accollarsi i costi delle tecnologie supplementari necessarie a una corretta sintonizzazione dei canali pubblici. A oltre un anno di distanza Saliera ha voluto investire nuovamente la Rai di un problema che riguarda migliaia di persone anche perché il tema è tornato di stretta attualità, se non altro, per le recenti dichiarazioni del Sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli che, il 6 ottobre scorso, rispondendo in Parlamento a un’interrogazione ha ricordato come "Con la concessione Rai, approvata in via definitiva la scorsa primavera, l'azienda e' obbligata ad assicurare la ricevibilita' gratuita del segnale al 100% della popolazione via etere o, quando non sia possibile via cavo e via satellite”. “Le parole dell’esponente del Governo confermano ancora una volta come sia necessario un serio e immediato intervento per soluzioni definitive e strutturali che assicurino a tutti i cittadini della Repubblica la parità di diritti nella fruizione dei canali televisivi della Tv di Stato”, sottolinea Saliera.

Post

24 Maggio 2018

Ci vuole rispetto per le vittime della strage del 2 agosto

"Le parole sentite in questi giorni sono un'offesa a tutta la città di Bologna e acuiscono ferite che non si sono mai rimarginate.

23 Maggio 2018

Le nostre valli: cielo acqua notti nature

L’Appennino bolognese si racconta nelle foto di William Vivarelli e nelle parole di Adriano Simoncini.