Post

5 Ottobre 2017

Sabato posa della prima pietra le per scuole di Castello d'Argile

Sarà Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, a posare la prima pietra delle nuove scuole di Mascarino, nel Comune di Castello d'Argile in provincia di Bologna.

L'appuntamento è per sabato prossimo 7 ottobre alle ore 16, in via Silone dove, alla presenza tra gli altri del sindaco di Castello d'Argile Michele Giovannini e dei dirigenti scolastici, verrà inaugurato il cantiere delle nuove scuole elementari "Pace libera tutti", la cui realizzazione si è resa necessaria per sostituire il vecchio edificio scolastico danneggiato dal sisma del 2012. Le scuole, costruire con le più moderne tecniche antisismiche e di risparmio energetico e costate 1,5 milioni di euro (di cui 500.000 euro di stanziamento governativo all'interno del progetto Scuole sicure e un milione di muto sottoscritto dal Comune), ospiteranno 120 studenti e si inseriscono nel processo di messa in sicurezza degli edifici pubblici di Castello d'Argile. "L'obiettivo dell'amministrazione comunale è mettere in sicurezza gli edifici pubblici, in via prioritaria le scuole: per questo - spiega il sindaco Giovannini - in parallelo all'avvio dei lavori delle scuole di Mascarino, si sta lavorando per mettere intervenire anche sulle scuole del capoluogo". Soddisfazione per la posa della prima pietra, cerimonia a cui è stato invitato il ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti, anche da Saliera per la quale "gli studenti sono il futuro della nostra comunità: investire sulla scuola è una cosa molto positiva perché significa investire nell'avvenire della nostra società".

Post

25 Aprile 2019

Francobolli bolognesi

Il più gettonato è Guglielmo Marconi, l'inventore della radio, celebrato tanto prima nell'Italia sabauda poi in quella repubblicana, ma anche a San Marino e in Vaticano.

24 Aprile 2019

Condanna per lo sfregio alla lapide della Bolognina

"Condanniamo nel modo più risoluto e senza appello l'ennesimo grave sfregio ai simboli della lotta di Liberazione e della Resistenza. A Bologna violenze di questo tipo non possono avere né spazi, né tolleranza.