Post

19 Luglio 2017

Nettuno d'Oro a Mario Nanni? Il mondo dell'arte e della musica si mobilita

Da Otto Gabos a Mirta Carroli, da Maurizio Osti a Nanni Menetti, da Claudio Spadoni, già direttore di Arte Fiera, a Sandra Festi, da sempre impegnata per la musica classica.

81 nomi di spicco dell’arte e della musica bolognese e internazionale hanno scritto al Sindaco di Bologna, Virginio Merola, perché accolga la proposta avanzata dal Comune di Monzuno e dalla Presidente dell’Assemblea legislativa regionale Simonetta Saliera di insignire Mario Nanni, ultimo partigiano della Brigata Stella Rossa del “Lupo” Musolesi e artista di fama internazionale, del premio Nettuno d’Oro. Nelle scorse settimane il vicesindaco di Monzuno Ermanno Manlio Pavesi e la Presidente dell’Assemblea Simonetta Saliera hanno scritto al Sindaco metropolitano Merola sostenendo il premio a Nanni. Oggi è la volta di 81 nomi di peso: donne e uomini di musica, arte e scultura. Nomi di spicco della tradizione culturale che, dalle Due Torri, hanno conquistato gallerie d’arte a New York e a Parigi, da Venezia a Roma. “Abbiamo appreso con soddisfazione dalla stampa locale che il Comune di Monzuno e la Presidente dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, Simonetta Saliera, Le hanno proposto di conferire il riconoscimento del Nettuno d'oro all'artista novantacinquenne Mario Nanni. Ci si augura vivamente che – spiegano i firmatari dell’appello - questa proposta possa davvero concretizzarsi, valorizzando così un artista bolognese, seppure di adozione, di rilievo internazionale e, allo stesso tempo, un uomo che sul piano civile, ha concretamente collaborato, partecipando alla lotta partigiana, a difendere e affermare quei valori di libertà e di democrazia su cui si fonda la nostra Repubblica. Valori ai quali Nanni ha dedicato l'intera vita”. Di seguito l’elenco dei firmatari: SANDRO MALOSSINI, LORENZA MIRETTI, ACCAME ANNALISA, AVANZOLINI ADRIANO, BACCILIERI ADRIANO, BANDINI BRUNO, BATTISTINI MARIA GIOVANNA, BENFENATI ALESSANDRO, BENUZZI BRUNO, BERNARDONI PINUCCIA, BOLIS TOMASO MARIO, BONINI NEDDA, BOTTARELLI MAURIZIO, CAMPI PIER FRANCESCO, CARA SERGIO, CARROLI MIRTA, CAVAZZA FRANCESCA, CERRITELLI CLAUDIO, COEN VITTORIA, COGO SILVIA, CUNIBERTI BARBARA, DE ANGELIS BRUNO, DE MARTINO MARIA LUIGIA, DEGGIOVANNI PIERO, DEHO’ VALERIO, DI TODARO MIMMO, ESPOSITO ANTONIO, FACCIANI ALESSANDRA, FAMELI PASQUALE, FANTI ORNELLA, FAVARI ROBERTA, FESTI GIOVANNA, FESTI SANDRA, FINOTTI FRANCESCO, FORNAROLI ENRICO, FRATTAROLO ELEONORA, GHELLI CLARA, GIROLOMINI ANNA, GRANDI SILVIA, GRIGOLO GINEVRA, LAMBERTI GABRIELE, LAMI LAURA, LANDI MARCELLO, LENZI SONIA, LIOTTA GIUSEPPE, LUI FRANCESCA, MARRA CLAUDIO, MAZZALI MAURO, MAZZOTTI CHIARA, MENETTI NANNI, MERENDI PATRIZIA, MIGLIORI NINO, MULAZZANI ENRICO, NARCISI PIERO, OSTI MAURIZIO, OTTO GABOS, PAGNANI ROBERTO, PANCALDI MARIAROSA, PASINI MARCO, PASINI ROBERTO, PELLIZZOLA MARCO, POGGI PAOLA, POZZATI MAURA, RAIMONDI PATRIZIA, RAVAGLIA DANIELE, RIZZOLI ROBERTO, ROFFI GIANPAOLO, ROSSI ANTONIO, ROSTAGNO LETIZIA, SANTOLI LEONARDO, SAVIGNANO FRANCO, SPADONI CLAUDIO, SPROCCATI SANDRO, STAGNI VITTORIA, STORELLI ANTONIO TEGLIA STEFANO, TINARELLI ENZO, TORRE FABIO, UGOLINI MARIA CECILIA, VANNINI PAOLA, VOLPI MARIO.

Post

18 Settembre 2020

I 70 anni di sacerdozio di Don Lorenzo Lorenzoni

Parrocchia di Montecalvo in festa con il Cardinale Matteo Maria Zuppi, per i 70 anni di ordinamento sacerdotale di Don Lorenzo Lorenzoni, il parroco 94 enne che oltre 10 anni ha letteralmente ricostruito la parrocchia alle porte di Bologna e che proprio da sette decenni è in "servizio permanente", prete dalla mattina alla sera sempre in attività.

24 Agosto 2020

Referendum 20-21 settembre 2020: le ragioni del NO

"L'Idea di Pianoro" REFERENDUM DI SETTEMBRE. Abbiamo chiesto un giudizio a Simonetta Saliera, già sindaco di Pianoro e presidente dell'Assemblea regionale: "Torniamo alla Costituzione. Il valore di una Costituzione e la sua efficacia li si misura nell'arco dei decenni. Da troppi anni la nostra Costituzione (che fu il frutto dell'incontro tra le culture democratiche laiche, cattoliche e marxiste, all'indomani dell'immane tragedia della Seconda Guerra Mondiale) è sotto attacco, tenuta come un foglio sospeso sul bordo di un cestino.