Post

17 Luglio 2017

Grande successo per il Saharawi Day 2017

Grande successo per il Saharawi Day 2017, il tradizionale appuntamento di accoglienza dei bambini Saharawi e riflessione sull'impegno dell'Emilia-Romagna per la causa del Popolo Saharawi.

Un centinaio di piccoli ospiti sono stati accolti oggi dalla Presidente dell'Assemblea legislativa Simonetta Saliera nei locali del Parlamento di viale Aldo Moro, come apertura di una giornata di intenso lavoro e di confronto. "Per noi è un onore, è la conferma dell'impegno per una causa su cui l'Emilia-Romagna è da anni impegnata con serietà e coerenza", spiega Saliera che, nella sua veste di presidente dell'Intergruppo regionale di Amicizia con il Popolo Saharawi, nei mesi scorsi ha ottenuto rassicurazioni dal ministro degli Esteri Angelino Alfano sull'impegno del Governo italiano perché vengano rispettati gli accordi presi in sede internazionale. "Questa - spiega Saliera - è anche l'occasione per ringraziare le tante associazioni da sempre attive sul nostro territorio e che ne sono una ricchezza in termini di democrazia e partecipazione alla vita civile dell'Emilia-Romagna". Dopo l'accoglienza di bambini e associazioni e le foto di rito, la giornata prosegue con un convegno introdotto, a nome dell'Assemblea legislativa regionale, dal Segretario dell'Assemblea Yuri Torri, dalla vicepresidente Elisabetta Gualmini in rappresentanza della Giunta regionale, e da Omar Mih, rappresentante in Italia del Fronte Polisario.

Post

24 Aprile 2019

Condanna per lo sfregio alla lapide della Bolognina

"Condanniamo nel modo più risoluto e senza appello l'ennesimo grave sfregio ai simboli della lotta di Liberazione e della Resistenza. A Bologna violenze di questo tipo non possono avere né spazi, né tolleranza.

24 Aprile 2019

Buon 25 aprile!

"Se agli italiani fu risparmiata la dissoluzione territoriale del Paese, come in Germania, se fu risparmiato un governo militare straniero come in Giappone, se si poté evitare una lunga guerra civile come in Grecia, se si poté scegliere liberamente con un referendum se essere monarchia o repubblica, e, da subito, votare per partiti diversi, è perché nella lotta partigiana l'Italia si riscattò.