Post

13 Luglio 2017

Assemblea legislativa, domani porte aperte ai bambini di Cernobyl

Salute, sanità, solidarietà. La Regione Emilia-Romagna conferma il proprio impegno al fianco dei “bambini di Chernobyl”.

A oltre 30 anni dal disastro nucleare nell’allora centrale nucleare sovietica, prosegue accoglienza e prevenzione sanitaria per i bambini ucraini e bielorussi. L’occasione per fare il punto sul “Progetto Chernobyl” sarà, a partire dalla ore 10 di domani 14 luglio quando, nella Sala Guido Fanti dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna in viale Aldo Moro 50, si terrà la consueta giornata annuale di accoglienza dei bambini promossa insieme ad Enti e Associazioni emiliano-romagnole. Dopo i saluti della Presidente dell’Assemblea legislativa regionale Simonetta Saliera, ci sarà la presentazione del bilancio del progetto e le sue prospettive future. A seguire la proiezione, presente l’autore, di un trailer del documentario “Nascono i fiori” di Mauro Bartoli e, dopo gli interventi dei rappresentanti delle diverse associazioni di volontariato che si occupano di accogliere i bambini ucraini e bielorussi, sarà il turno della vicepresidente della Giunta regionale Elisabetta Gualmini che trarrà le conclusioni della giornata. "A partire dalle celebrazioni del 30° anniversario del disastro nucleare di Cernobil fatte l'anno scorso e grazie al lavoro di molti colleghi consiglieri siamo riusciti a rinverdire e rilanciare la tradizionale attività di solidarietà e collaborazione con le famiglie e le associazioni che da anni lavorano per accogliere e curare i bambini di Cernobil, di confermare il nostro impegno umanitario e civile", spiega Saliera che ricorda come "gesti come questo vanno al di là del pura solidarietà e hanno un valore civile e politico per tutta la nostra comunità: un particolare ringraziamento va alle tante associazioni che da anni si impegnano e sono un fiore all'occhiello della nostra Emilia-Romagna".

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.