Post

27 Giugno 2017

La proposta: il Nettuno d'oro a Mario Nanni

Insignire Mario Nanni, ultimo sopravvissuto della brigata partigiana “Stella Rossa” e artista di fama mondiale, del Nettuno d’Oro, uno dei più importanti riconoscimenti della città di Bologna.

La richiesta, indirizzata al Sindaco di Bologna, Virginio Merola, arriva dal Comune di Monzuno e trova il plauso e il sostegno di Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Comune di Monzuno e Presidenza dell’Assemblea regionale ricordano i meriti di Mario Nanni, la cui esistenza è un esempio di democrazia e valori costituzionali. La storia di Nanni inizia sulle montagne dell’Appennino bolognese, nei mesi terribili della Lotta di Liberazione, quando combatteva nella brigata partigiana Stella Rossa guidata dal “Lupo” Mario Musolesi. La sua vita prosegue nel mondo dell’arte: pittore e scultore di fama internazionale, dalla Biennale internazionale del Mediterraneo ad Alessandria d’Egitto alla Biennale di Venezia, dalle grandi gallerie europee alle esposizioni nazionali, molte delle quali nella città di Bologna, dove Nanni risiede e ha lo studio. Un curriculum, spiegano il vicesindaco di Monzuno Pavesi e la Presidente dell’Assemblea legislativa Saliera, che porta “naturalmente” al fatto che la città capoluogo possa insignirlo di una onorificenza di primo piano come il Nettuno d’Oro. “Il premio può rappresentare – scrivono Pavesi e Saliera – il suggello per un uomo che ama profondamente il territorio in cui abita e che ha visto svolgersi la sua vita umana e artistica. Un omaggio da parte dell’Amministrazione bolognese che nella sua azione ha sempre riservato un posto speciale alla cultura e all’arte in particolare”. Ora la parola passa a Virginio Merola, Sindaco di Bologna, città medaglia d’oro di quella Resistenza di cui Nanni è stato protagonista.

Post

22 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Don Luciano

“La scomparsa di Don Luciano, già parroco di Pianoro Vecchia e Livergnano, è motivo di dolore e di forte dispiacere. Ai suoi famigliari, alla Chiesa di Bologna e a tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato il suo impegno di sacerdote vanno le mie più sentite condoglianze. Ci conoscevamo bene, amava ed era un gran conoscitore di musica in particolare d'organo e aveva una innata curiosità di conoscere il mondo in profondità tanto da studiare diverse lingue come il russo proprio per capire a fondo le persone, la loro vita e le loro profondità. Le nostre zuppette alle 23 di sera erano farcite di musica, pittura antica e racconti di vite nei diversi mondi”.

12 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Sante Tura

"Scienziato di grande livello, medico di stimato valore. Con Sante Tura scompare uno dei bolognesi più illustri, capace di essere appassionato pioniere nel campo della ricerca".